ALESSANDRO: “ALLA CASA DON VENTURINI MI SONO SALVATO LA VITA”

In 25 anni ha ospitato circa 150 persone, e ancora oggi, ogni giorno, continua nella sua opera di accoglienza verso le persone tossicodipendenti. La casa intitolata a Don Venturini, che tutti conoscono come Pellegrina, è nata 25 anni fa come segno della Caritas diocesana; una volontà chiara e precisa che andava nella direzione di superare il pregiudizio e lo stigma. Oggi la casa don Venturini si apre alla comunità e sopratutto ai giovani delle scuole superiori per creare consapevolezza e conoscenza.

Autore: redazione

Quando l'approfondimento fa la notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *