Archivi categoria: Senza categoria

QUANDO AMORE E PASSIONE FANNO IL VINO

Sette anni fa erano molti meno e, soprattutto, molto di meno li conoscevano. Oggi il mercato dei vignaioli indipendenti, quei produttori che seguono tutte le fasi della lavorazione delle uve dalla vigna alla bottiglia, sono una realtà ben presente e fortemente apprezzata. Prova ne è l’indiscusso successo della settima edizione del mercato dei vini dei vignaioli indipendenti che ha occupato i padiglioni di Piacenza Expo. Tutta l’Italia, dall’Alto Adige alla sicilia, è stata rappresentata dai 510 produttori che hanno fatto degustare i propri vini.

MONTI: “LA NUOVA AMMINISTRAZIONE FACCIA ANCHE SCELTE IMPOPOLARI”

L’amministrazione Barbieri deve avere il coraggio di fare scelte anche impopolari”. Mauro Monti, consigliere comunale del gruppo Liberi, ha analizzato il documento programmatico 2017/2022 che l’amministrazione ha presentato in consiglio comunale. “Un’analisi semi seria – come lui stesso l’ha definita – con un richiamo finale di aderenza alla realtà. Si deve governare per la tutta quanta la città”.

BARTOLO: “SALVARE VITE UMANE E’ UN DOVERE DI OGNI UOMO”

Tre testimonianze preziose che hanno catturato l’attenzione ed hanno emozionato.Mai scontate, mai banali, dirette e precise. Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, Benedetta Capelli, ostetrica di Medici Senza Frontiere e Lorenzo Bianchi, giornalista inviato di guerra del Resto del Carlino, hanno partecipato all’incontro Attraverso il mare dedicato al tema della migrazioni organizzato da Svep e La Ricerca.

NUOVA SANT’ANTONINO: QUALITA’ NELLA CURA E NEGLI AMBIENTI

Cinque mesi di lavori per oltre 2 milioni di euro di spesa hanno portato al rinnovo dei due piani della lungodegenza della casa di cura privata Sant’Antonino. Gli ambienti riqualificati riguardano 80 posti letto dedicati a pazienti che necessitano di riabilitazione post chirurgica o che proseguono i loro percorso assistenziale in lungodegenza.

INQUINAMENTO: PIACENZA MAGLIA NERA CON UNDICI SFORAMENTI CONSECUTIVI

Undici giorni di sforamenti consecutivi; è il triste primato che Piacenza si guadagna in regione per la città con la peggiore qualità dell’aria. Legambiente chiede di andare oltre il protocollo tra le regioni ed avere il coraggio di affrontare con più decisione le fonti di questo inquinamento che sta prendendo le dimensioni di un’emergenza sanitaria.

Ecco il comunicato:

Avevamo sperato che quell’accordo tra le quattro regioni della Pianura Padana (Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto) avrebbe portato qualche piccolo vantaggio alla qualità dell’aria che respiriamo quotidianamente. Ci siamo illusi. Siamo al 20 di ottobre e siamo in piena emergenza sanitaria che danneggia la salute dei cittadini soprattutto bambini ed anziani, come ampiamente riportato da Libertà del 19. Nei primi 20 giorni di ottobre i superamenti della soglia di 50 microgrammi per metro cubo stabilita come massimo giornaliero sono stati superati per ben 15 volte e per i prossimi giorni nulla fa presagire una situazione migliore.
Da 11 giorni consecutivi le micidiali polveri sottili non danno tregua attentando drammaticamente alla salute dei piacentini. Evidentemente le misure previste per casi di emergenza come quelli che stiamo vivendo non sono assolutamente adeguate per riportare ad un livello meno distruttivo il PM10 e 2,5.
Quindi è necessario, anzi indispensabile, superare il protocollo d’intesa tra le 4 regioni ed avere il coraggio di affrontare con più decisione le fonti di questo inquinamento.
E’ evidente, in questo momento in cui il riscaldamento non è ancora accesso, che le cause principali dell’emergenza in atto sono dovute ad un combinato tra situazione metereologica sfavorevole alla dispersione degli inquinanti e l’attività umana legata al traffico veicolare e le industrie inquinanti.
Allora è indispensabile agire su questi due elementi con provvedimenti urgenti di drastica limitazione del traffico, blocco del traffico, e dell’attività industriale.
L’amministrazione è di fronte ad un bivio: la scelta tra limitarsi ad una fatalistica speranza di pioggia o di altri agenti che disperdano gli inquinanti oppure agire con tempestività nella scelta di intervenire a tutela della salute e sicurezza dei cittadini e delle sue fasce più deboli.
Vogliamo pensare che la decisione sia in favore del benessere e della tutela delle persone di cui il sindaco, a livello locale, è responsabile.

NUVOLATI: “PIACENZA SI QUALIFICHI A VANTAGGIO DEI PIU’ DEBOLI”

“Piacenza si riqualifichi a vantaggio dei più deboli”. A dirlo è Giampaolo Nuvolati, docente di sociologia urbana all’università di Milano Bicocca. Piacenza, come altre città medio piccole, ha subito una enorme trasformazione negli ultimi anni. E’ compito delle amministrazioni stare al passo coi tempi ed elaborare politiche che non creino vuoti urbani ma che favoriscano soprattutto le fasce meno abbienti. Il rischio è quella di una eccessiva polarizzazione.

>

ANTONINO D’ORO A MONS. CORBELLINI: “GRAZIE ALLE PERSONE CHE MI HANNO CRESCIUTO”

Un riconoscimento che va alla terra e alle persone che lo hanno allevato e che lo hanno cresciuto nel cammino di fede e di uomo di chiesa. L’Antonino d’oro a Mons. Giorgio Corbellini, Presidente dell’Ufficio del Lavoro della Santa Sede, ha questo significato, un tributo all’impegno costante che i canonici del Capitolo hanno deciso di conferire ad un alto prelato piacentino, originario di Viserano di Travo, che da oltre 35 anni svolge il servizio a Roma in Vaticano. La consegna ufficiale è avvenuta al termine della santa messa all’interno della basilica di Sant’Antonino, cuore della celebrazioni dedicate al santo patrono.

E’ stato il vescovo Gianni Ambrosio a consegnare il premio a monsignor Corbellini, davanti alla commozione della mamma 96 enne. Nel corso dell’omelia le parole del vescovo hanno richiamato al vita di Sant’Antonino “Un giovane – ha detto – rimasto fedele al signore professando la fede senza compromessi”. Da qui un’esortazione a che proprio i giovani siano al centro della vita della comunità, chiedendo alla platea se i comportamenti degli adulti sono d’aiuto a crescere con giusti valori gli uomini e le donne di domani, lanciando così il progetto giovani nel nome di Sant’Antonino. 

“FURBETTI DEL CARTELLINO”: ECCO COSA FACEVANO ANZICHE’ LAVORARE

C’è chi passava il badge una, due, anche tre volte, per se stesso e per i colleghi evidentemente assenti. Chi anziché salire la scale e recarsi nel proprio ufficio entrava ed usciva dal comune nel giro di pochi minuti. Chi anche, nell’orario di lavoro, passava il tempo a fare shopping al mercato, a bersi un caffè in compagnia di un’ amica o a fare la spesa. Polizia municipale e guardia di finanza l’hanno battezzata operazione Alta infedeltà per cui restano indagate 50 persone dipendenti del comune di Piacenza.

Nel video si vede un dipendente che va in palestra con l’auto di servizio, un altro che utilizza il mezzo del comune per fini privati e un altro, finito agli arresti domiciliari, che si accompagna ad una giovane prostituta propria con l’auto di servizio. Quello che si nota è la reiterazione del gesto, quasi un automatismo come dovrebbe essere nel caso di un corretto e leale utilizzo del proprio badge all’ingresso e all’uscita dell’orario di lavoro.

Le indagini sono partite nel 2016 da alcune segnalazioni dei cittadini che avevano denunciato una condotta anomala, da lì è nata la volontà di capire, da parte della procura che coordina l’indagine, se i comportamenti di questi dipendenti comunali fossero o meno conformi alla legge. Gli accertamenti sono stati condotti oltre che con pedinamenti anche con registrazioni catturate con telecamere nascoste posizionate vicino agli uffici comunali.