GIANNI D’AMO: “IN POLITICA PIU’ CULTURA E MENO SLOGAN”

Gianni D’amo, docente di storia e filosofia e fondatore di Città Comune, è l’ospite di Di Profilo. Una lunga intervista in cui ricostruisce il panorama politico attuale in vista del voto del 4 marzo.
Con uno sguardo privilegiato sui giovani.

D’AMO: “PER LE ELEZIONI LA SINISTRA SI RICOMPATTI OLTRE LE DIVISIONI”

E’ un Gianni D’amo come sempre appassionato quello che racconta a Di Profilo la sua visione di sinistra e la sua idea di politica. Fondatore di Città Comune, ex consigliere comunale, D’amo conferma che, pur avendo dato molto alla politica piacentina ha ricevuto poco in cambio. In vista delle prossime amministrative lancia una proposta al centro sinistra: ricompattarsi oltre le divisioni. Questo comporterebbe un grande senso di responsabilità da parte dei politici.

DOPO REFERENDUM: COSA E’ SUCCESSO AL PD? A TUTTO TONDO

Cosa è accaduto al Partito Democratico e quali conseguenza la vittoria del No avrà sulla politica locale? Tanto per intenderci, la domanda è: come il Pd si sta preparando al voto amministrativo di primavera? Secondo Francesco Cacciatore, ex vice sindaco della giunta Reggi e della giunta Dosi prima del rimpasto, il Pd ha perso i riferimenti e soprattutto una classe dirigente capace, quel profilo e quelle priorità che un partito di sinistra deve esercitare per amministrare la città. Non è un quadro rassicurante quelle che esce dalle sue parole, al contrario un partito che ha smarrito la strada maestra e i principi ispiratori.

Cinque anni fa, in questo periodo, si era nel pieno della campagna elettorale per le primarie del Pd, oggi il nulla, e la vittoria del No ha evidentemente rallentato tutto questo. E’ la riflessione di Gianni D’amo, storico esponente della sinistra più indipendente piacentina, fondatore di Città Comune. Sarebbe disposto a rimettersi in gioco ancora una volta per Piacenza? Non in prima persona magari, ma per competenza, passione ed esperienza certamente sì.

Teatro come forma di educazione e momento di riflessione. Il progetto Prevenzione Teatro si regge proprio su questo: le compagnia Piacenza Kultur Dom e teatro La Pulce stanno portando in tutta Italia spettacoli, rivolti agli adolescenti, sull’abuso di alcool, droga e gioco d’azzardo, che costituisce la nuova frontiere delle dipendenze patologiche. 600 repliche per oltre 120 mila spettatori, sono i numeri del progetto che racconta, con ironia e provocazione, i rischi delle dipendenze.

GIANNI D’AMO: QUANDO LA POLITICA E’ PASSIONE

E’ una chiacchierata che passa dalla visione politica locale a quella nazionale cogliendo numerose somiglianze.Gianni D’Amo insegnante di professione, quando parla di politica ci mette il cuore, perchè la politica lo appassiona e si vede. L’ha praticata sul campo per una decina d’anni nelle vesti di consigliere comunale. Uomo da sempre di sinistra, nel 2002 si candidò alla comunali e nel 2012 alle primarie di centrosinistra. Alla fine del 2006 cofondò insieme ad alcuni amici l’associazione politico culturale Città Comune. L’impressione che ha oggi è che molti nodi stiano venendo al pettine perchè le condizioni rispetto al ventennio precedente sono radicalmente cambiate sia per quanto riguarda la fiscalità, più che raddoppiata, sia perchè le entrate sono drasticamente diminuite, condizioni che non permettono più di mantenere il livello di dieci anni fa. Contemporaneamente la domanda cresce, i bisogni di una popolazione sempre più vecchia sono biologici. Oltre ai problemi economici D’Amo analizza l’esperienza dei comuni. “un’esperienza che ha impoverito la politica – ha detto ai nostri microfoni – e non l’ha arricchita. Il consiglio comunale che vedo oggi – ha detto – è fragile, non si può sostituire cinque assessori dalla sera alla mattina”, riferendosi al rimpasto di giunta dello scorso inverno.

A D’Amo il modello secondi cui chi vince ha ragione e chi perde ha torto non va giù; l’idea che un partito si costruisca sulla persona è pericolosa. “Il modello del sindaco che comanda da solo diseduca, così come tutti i partiti persona. “Spesso accade che i capi diventino capri espiatori, in caso di insuccesso”.

Sulla stretta attualità amministrativa, sull’uscita di Rifondazione Comunista dalla maggioranza, D’Amo dà una lettura in chiave elettorale regionale, perchè per anni Rifondazione ha governato con il centrosinistra senza avanzare particolari rimostranze. “A Piacenza ormai governa un monopartitismo PD con correnti Renzi-Reggi – ha detto – questo modo di fare politica a molto lontana da me. Per me la politica è mediazione”.

Nonostante tutto D’Amo non sarebbe tra coloro che in caso di elezioni si asterrebbero, percentuale che, secondo i sondaggi, si aggirerebbe sopra al 40 per cento. “C’è troppa disaffezione – ha detto – questa percentuale di assenteismo non è un caso, ma una scelta”.