M5S PRESENTA I CANDIDATI ALLE REGIONARIE “SIAMO LA TERZA VIA”

Sono sei i candidati piacentini alla regionarie sulla piattaforma Rousseau, già dai prossimi giorni. Da questa voto on line a cui possono partecipare solo gli iscritti al Movimento 5 Stelle, ne usciranno quattro, che saranno i candidati del Movimento alle regionali del 26 gennaio.

Sono Massimiliano Davoli, Elena de Pantz, Giuseppe Rai, Matteo Boeri, Rosalba Barile e Salvatore Aspetti. Sono stati presentati dai consiglieri comunali piacentini Andrea Pugni e Sergio Dagnino e dalla consigliera del comune di Fiorenzuola Elena Rossini.

SERGIO DAGNINO E IL DIFFICILE RUOLO DELL’OPPOSIZIONE

Il Movimento 5 Stelle non è mai stato così basso nel consensi e l’alleanza con il Pd scricchiola. La base ha deciso di presentarsi con i propri candidati alle regionali del 26 gennaio che verranno eletti nelle Regionarie sulla piattaforma Rousseau. A a Piacenza come sta il Movimento? “Essere all’opposizione è molto dura – spiega il consigliere Sergio Dagnino – non sempre si è compresi né ascoltati”.

GOVERNO PD-M5S: QUALE FUTURO?

Quale futuro potrebbe avere un governo PD-M5S? Se lo chiedono molti elettori soprattutto di sinistra in questa fase di frenetiche consultazioni. Abbiamo chiesto l’opinione di due esponenti della sinistra piacentina: Gianni D’amo di Città Comune per cui l’obiettivo principale è “svelenire il paese” e Carlo Berra del PD secondo il quale “le cose non cambieranno in breve tempo”.

PUGNI-DAGNINO: I DUE VOLTI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Diversi ma concordi nel constatare come il Movimento 5 Stelle, nella fattispecie il premier dimissionario Giuseppe Conte, si stia destreggiando nel migliore dei modi nell’affrontare la crisi di governo e la fine del contratto con la Lega. Andrea Pugni e Sergio Dagnino, capogruppo e consigliere comunale M5S, non negano la diversa estrazione, più di destra il primo a sinistra il secondo, seppur facciano parte dello stesso gruppo e continuino, almeno per il momento, a credere nei valori del Movimento.

ANDREA GABBIANI ADERISCE A FdI: “IL M5S? UN’ACCOZZAGLIA DI PERSONAGGI”

L’aveva anticipato senza troppe velature ai nostri microfoni pochi mesi fa; oggi è arrivato l’annuncio ufficiale. Andrea Gabbiani ha fatto il suo ingresso in Fratelli d’Italia. Le simpatie per la destra non le aveva mai nascoste nemmeno quando militava in modo attivo nel Movimento 5 Stelle.
Un ritorno a casa, in una forza politica tradizionale, lontana anni luce dal Movimento che oggi definisce “un’accozzaglia di personaggi”

MOVIMENTO 5 STELLE: ANCORA LABORATORIO DI IDEE E DI CONSENSI?

Sergio Dagnino, consigliere comunale M5S. Soddisfatto o deluso della condotta del Movimento? E’ positivo il giudizio dei primi mesi del governo giallo-verde sopratutto in merito al reddito di cittadinanza. Meno comprensibili alcune uscite come la proposta di Lino Banfi componente della commissione Unesco.
A livello locale: “E’ finito il tempo di prendere misure, ora la giunta deve agire”.

GABBIANI: “POLITICAMENTE TORNO A CASA”

Non si riconosce più nel Movimento, anzi sarebbe meglio dire che non riconosce più il Movimento stesso. Andrea Gabbiani, ex consigliere comunale 5 Stelle uno dei primi a credere nel Movimento, da poche settimane si è chiamato fuori da un progetto politico che non sente più suo, proprio ora che il M5S è al Governo insieme alla Lega. Ma il suo approdo verso un’altra forza politica è molto vicina. “Politicamente torno a casa” ci ha detto.

GABBIANI: “SONO UN BATTITORE LIBERO NON UNO YES MAN”

E’ Andrea Gabbiani il nuovo ospite di #Diprofilo. In primo piano la questione del nuovo ospedale che infiamma i dibattiti delle ultime settimane, in vista del consiglio comunale di lunedì 25 giugno in cui si deciderà se stralciare l’ipotesi Pertite. “E’ davvero necessario?” si domanda Gabbiani che si definisce “un battitore libero non uno yes man” fortemente critico nei confronti del Movimento 5 Stelle.

IPPOLITO NEGRI: “LA GIUNTA BARBIERI? NE PARLIAMO TRA UN ANNO”

Ippolito Negri, giornalista, a Di Profilo. In primo piano il nuovo governo Lega-M5S, il governo della città  e i temi più caldi come il nuovo ospedale. E sull’operato della giunta, ad un anno dall’insediamento ha detto: Ne parliamo tra un anno”.

CUGINI-PD: SIAMO AI FERRI CORTI?

Se non è insoddisfazione poco ci manca, o almeno questa è la sensazione leggendo alcuni post. Stefano Cugini, oggi capogruppo in consiglio comunale del Partito Democratico, ex assessore della giunta Dosi, non ha mai lesinato critiche verso il partito, ma oggi, almeno all’apparenza, sembra abbiano un sapore diverso. Molto più amaro.

Nei giorni delle febbrili consultazioni tra Movimento 5 Stelle e PD per il naufragato tentativo di trovare un punto di accordo in vista di un futuro Governo, Cugini aveva affidato al suo profilo Facebook alcuni riflessioni: “Serve una #consultazione con la base! Altrimenti la pillola per me sarebbe troppo indigesta. Oltre a questo, se é vero come il sorgere del sole che ci vuole un “nuovo” PD, di certo per ragionare insieme sarebbe necessario un altrettanto nuovo #M5S, che non mi sembra di scorgere all’orizzonte (se non in qualche sparuto caso)”.

Nuovo Pd, pillola indigesta, consultazioni. L’animo non è quello di un militante fiducioso che si mette nella mani del partito e attende. Anzi. Quello che si percepisce è un senso di vuoto, di mancanza, forse anche di aspettativa?

“Io come la penso già l’ho detto e per me le distanze sono inconciliabili (il riferimento è sempre all’ipotetico dialogo PD M5S ndr) Ma come la vedo io é relativissimo. Il punto però é che, presi uno a uno, sono altrettanto relativi i pensieri di tutti i dirigenti, notabili, caminettari e opinionisti alla bisogna. Pure quello del Segretario nazionale vale uno, se non si ha una linea. E allora, santo cielo, é così difficile per il #PartitoDemocratico chiedere formalmente il parere dei suoi iscritti? Che paura può mai esserci a consultare la propria base?”

Ad oggi la finestra di dialogo tra PD M5S sembra ormai chiusa, così come Renzi ha esplicitato durante l’intervista a Che Tempo che Fa, nonostante la linea dell’attuale segretario Martina avesse aperto, quantomeno, al confronto.  Ma fino a che punto questa situazione avrà conseguenze sulla tenuta del partito e non si rischi una nuova emorragia di voti? E le conseguenze a livello locale? Cugini in questa fase non commenta, almeno ufficialmente. Ma  ciò che affida ai social lascia poco spazio all’immaginazione. C’è all’orizzonte un abbandono del partito oltre che parecchio malessere?