VENTURI: “PER LA PRIMA VOLTA CALANO I DECESSI IN EMILIA”. A PIACENZA 22 MORTI

Per la prima volta, dopo svariate settimane, diminuisce il numero dei decessi almeno a livello regionale: 77 in una giornata. Piacenza però conta ancora 22 morti che fanno riferimento ai contagi dell’inizio dell’epidemia arrivata nella nostra città. I casi positivi a Piacenza sono 114 in più rispetto a ieri, per un totale di 2390, che corrisponde a meno del 5%; a livello regionale i nuovi casi sono 795 in più per un totale di 12383 “un calo relativo – spiega Sergio Venturi – che sta portando ad un progressivo miglioramento della situazione”. 5358 persone sono in isolamento domiciliare con lievi sintomi; 115 le nuove guarigioni che raggiungono quota 1075.Sono 52.991 i test refertati, 5.193 in più sempre rispetto a ieri.

“A Piacenza il numero dei positivi affetti da polmoniti da Covid è al pari dei dati del 4 marzo, ovvero all’inizio dell’epidemia. Ha dimezzato il numero dei contagi, questo è molto rassicurante” ha spiegato il commissario Venturi. “Dalla prossima settimana cominceremo dagli operatori sanitari con i test sierologici, effettuati attraverso prelievi di sangue. Sono in arrivo 100 mila test per i 62 mila dipendenti delle asl; se il test è negativo dopo 15 giorno ne farà uno nuovo, se anche questo è negativo sarà considerato non affetto dal virus, se positivo invece si prenderanno le precauzioni del caso”.

 

ECCO I SEI MEDICI IN SUPPORTO DEI SANITARI PIACENTINI

Eccoli i se medici arrivati in aiuto ai colleghi a Piacenza. È appena entrato in servizio, all’ospedale cittadino, un piccolo gruppo di professionisti che ha risposto all’appello della Protezione Civile. I medici, provenienti per lo più dalla Toscana e da Roma, si sono resi disponibili a venire a lavorare negliospedali più colpiti dal virus. Si tratta di specialisti diversi che sono stati inseriti all’interno delle equipe di Malattie infettive, Terapia intensiva e in uno dei reparti covid dedicati, l’Emergenza sanitaria 2.
I medici sono stati accolti dal direttore generale Luca Baldino che ha portato il saluto e il ringraziamento di tutto il personale sanitario piacentino. Stamattina i camici bianchi hanno avuto un incontro con la direzione sanitaria, per avere il quadro della situazione in ospedale, e poi sono stati destinati ai reparti, in cui hanno iniziato la loro attivi.

A PIACENZA NON CALANO I DECESSI: 29 IN UNA GIORNATA. VENTURI “CONTAGI IN DIMINUZIONE”

Sono ancora troppi i morti per Coronavirus nonostante i contagi siano in diminuzione. 29 decessi in una giornata a Piacenza, sebbene “la media dei nuovi contagi sia sotto la media regionale, meno del 5%. I decessi totali in regione sono 1174, 97 in più rispetto a ieri” ha riferito il commissario Sergio Venturi. I casi di positività a Piacenza sono 91 in più rispetto a ieri, per un totale di 2213.

“Stiamo contrattaccando, stiamo andando fuori dagli ospedali per seguire i pazienti nelle case – ha detto Venturi riferendosi ai team di medici di continuità assistenziale che hanno preso il via ieri a Piacenza. “In questo modo controlliamo i positivi in isolamento o sintomatici lievi con la somministrazione di un mix di farmaci”.

I casi di positività al coronavirus sono 10816, 762 in più di ieri. 42.395 i test refertati, 4.350 in più sempre rispetto a ieri.
Complessivamente, sono 4.680 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (415 in più rispetto a ieri); aumentano di poche unità – come si sta verificando negli ultimi giorni – quelle ricoverate in terapia intensiva, che sono 301, 7 in più rispetto a ieri.

Continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 792 (71 in più rispetto a ieri), 668 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, 124 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Posti letto aggiuntivi già allestiti: 4.630, 307 in più di ieri.

BARBIERI: “NON CI POSSIAMO PERMETTERE DI MOLLARE LA PRESA”. SUI MINORI CONTAGI “SONO MOLTO CAUTA”

Sta meglio il sindaco Barbieri, in attesa dell’esito del quarto tampone che le confermerà la guarigione dal Coronavirus; intanto prosegue senza sosta il lavoro da casa, dove è in isolamento dal 4 marzo, con i sindaci e la regione.

“Quello che ci interessa maggiormente è spezzare il contagio, l’unico modo per combattere questo virus sconosciuto, non possiamo mollare la presa”.

“La cosa mi che addolora di più? Non poter ancora dire ai piacentini che questo incubo è finito e non poter stare accanto alle persone che hanno perso un parente o un amico senza poterli assistere, questo è il pensiero che mi angoscia”.

MEDICI A DOMICILIO: “LE PERSONE VIVONO IN SOLITUDINE, HANNO PAURA E SONO ANGOSCIATE”

“Abbiamo trovato persone con una forte paure, sole e angosciate”. Così la dottoressa Giuliana Rapacioli ha descritto le persone incontrate a domicilio, nella prima giornata di continuità assistenziale insieme all’infermiere Mirko Zardi. Hanno visitato una decina di pazienti raggiunti nelle loro abitazioni su indicazione del medico di famiglia. Soprattutto anziani, ma non solo. “Abbiamo percepito una grande solitudine e ansia, tanto che le persone hanno vissuto il nostro arrivo quasi come un momento conviviale sebbene non ci sia stato alcun contatto”. Ecco la sua testimonianza

Primi due giorni di lavoro per le unità speciali di continuità assistenziale. Si tratta di medici e infermieri, equipaggiati con dispositivi di sicurezza e dotati di un ecografo palmare, che visitano a domicilio le persone positive o sospette positive. Non occorre telefonare, soprattutto non bisogna rivolgersi al 118. Sono i medici di famiglia, che conoscono le condizioni dei loro pazienti e la loro storia clinica, ad attivare il servizio quando necessario, segnalando i casi di maggior fragilità e criticità alla nostra azienda. Il primo team è composto dalla dottoressa Giuliana Rapaccioli e dall’infermiere Mirko Zardi. Domani dovrebbe partirne un secondo. A pieno regime, appena arriveranno gli ecografi palmari, si conteranno 4 squadre che lavoreranno 12 ore al giorno, dalle 8 del mattino alle 8 di sera, sette giorni su sette, per coprire tutto il territorio, città e provincia.Il servizio aiuterà ad intercettare precocemente e il più rapidamente possibile casi che potrebbero evolvere verso situazioni più problematiche o casi di insufficienza respiratoria da coronavirus. I team sono composti da un medico di continuità assistenziale e un medico esperto di ecografia toracica. Questa attività di assistenza domiciliare, in stretta collaborazione con i medici di famiglia, è svolta anche da Luigi Cavanna, che con la sua equipe sta facendo ulteriori visite domestiche con ecografia, cominciando da alcuni dei suoi pazienti oncologici, per poi occuparsi anche di altre persone, segnalate dai colleghi.

Publiée par Azienda Usl di Piacenza sur Mercredi 25 mars 2020

 

 

SONO 23 I DECESSI A PIACENZA. VENTURI RASSICURA “A PIACENZA I SERVIZI DI AMBULANZA PER COVID SONO CALATI DEL 40%”

I decessi sono ancora troppi: 92 in Emilia Romagna (1077 in totale) di cui 23 a Piacenza in una sola giornata. Si respira però un cauto ottimismo, almeno questo è ciò che lascia trapelare il commissario per l’emergenza Sergio Venturi. Un ottimismo che si basa sui dati: “i servizi di ambulanza – ha riferito Venturi – sono in significativa diminuzione in quasi tutta la regione: a Piacenza il picco si è registrato con 166 servizi, ieri se ne sono registrati 110, con una riduzione del 40%”. I nuovi contagi a Piacenza sono 141 in più rispetto a ieri, per un totale di 2122 casi di positività. “Il trend è in significativa riduzione rispetto a ieri, la nostra speranza e convinzione è che continui così”.

In Emilia sono 10.054 i casi positivi, 800 in più rispetto a ieri. I casi lievi in isolamento a domicilio sono 4.265. 721 le guarigioni (+ 163), i pazienti in terapia intensiva sono 294, solo 3 in più di ieri. 38.045 i test refertati, 4.518 in più sempre rispetto a ieri. Sono 4.265 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (273 in più rispetto a ieri).

 

SARA MAINI, PSICOLOGA: “IL TEMPO DILATATO E LE RADICI PER UN CAMBIAMENTO”

Tempo dilatato, cambiamento improvviso delle abitudini, ansia e preoccupazione: che conseguenze hanno su di noi a livello psicologico? Ne abbiamo parlato con la psicologa piacentina Sara Maini, che ci ha fornito indicazioni e consigli su come rendere produttivo il tempo casalingo “è meglio occuparsi di noi stessi piuttosto che preoccuparsi e farsi domande per un cambiamento radicale”.

ANCORA 30 DECESSI. DA VENTURI UN CAUTO OTTIMISMO: “A PIACENZA SIAMO VICINI AL PICCO”

Ancora 30 decessi a Piacenza che rimane il capoluogo emiliano più drammaticamente falcidiato dall’emergenza Covid 19. I nuovi casi di positività a Piacenza sono 96 in più rispetto a ieri, (+5%) che portano a 1981 i casi totali di contagio. A livello regionale i positivi sono 719 in più per un totale di 9254 casi. Di questi 3992 sono persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere. Aumentano di poche unità quelle ricoverate in terapia intensiva, che sono 291, 15 in più rispetto a ieri.

I decessi continuano a salire: passati da 892 a 985: 93 in più rispetto a ieri. Al tempo stesso, continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 558 (135 in più rispetto a ieri), 125 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite, 10 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

“La maggioranza dei tamponi effettuati oggi sono risultati negativi – ha annunciato il commissario all’emergenza Venturi – è avvenuta l’inversione di tendenza ovvero con più negativi che positivi. Potrebbe essere quell’inversione di tendenza che speravo di annunciarvi da alcuni giorni.I casi di positività di Piacenza (+96) corrispondono al 5% in più, possiamo dire di essere molto vicini al picco”.

“Il Governo – conclude Venturi – deve assolutamente tenere conto del fatto che siamo la seconda regione più colpita; abbiamo necessità che il Governo ci ascolti: nessun operatore sanitario può lavorare senza dispositivi di protezione personale”.

MERCATI RIONALI CHIUSI: PROTESTANO I COMMERCIANTI DI VIA ALBERICI

Hanno accumulato scorte per una settimana pensando di aprire regolarmente al pubblico come ogni lunedì. Non è stato così per gli operatori del mercato rionale coperto di via Alberici che stamattina sono stati costretti a chiudere i loro esercizi commerciali in attuazione dell’ordinanza emanata dalla Regione Emilia Romagna sabato 21 marzo, mirata a rafforzare le misure di prevenzione e contenimento della diffusione del virus Covid-19, fino al 3 aprile. E’ consentita la possibilità di effettuare la consegna a domicilio dei prodotti alimentari.

“Non ce lo aspettavamo – ci ha riferito una negoziante – se l’avessimo saputo solo qualche giorno prima avremmo evitato di fare scorte per la settimana, ora siamo costretti a chiudere”.

“Cosa abbiamo noi di diverso rispetto agli altri operatori commerciali? siamo negozianti di serie B? – protesta un altro esercente di via Alberici – non vendiamo forse anche noi beni di prima necessità? Siamo un punto di riferimento per gli abitanti della zona e per i più anziani, che ora saranno costretti a recarsi all’ipermercato o a farsi portare la spesa dai parenti”

 

 

ANCORA 26 MORTI A PIACENZA. VENTURI “SPERIAMO DI SEGUIRE IL RALLENTAMENTO DELLA LOMBARDIA. SIAMO FIDUCIOSI”

Sono ancora numeri troppo alti i decessi che riguardano Piacenza: 26 in un’unica giornata. Salgono così a 892 i decessi totali in Emilia Romagna. Il numero dei contagi a Piacenza arriva a 1885, 120 in più rispetto a ieri.

Complessivamente in Emilia sono 8.535 di positività al Coronavirus, 980 in più di ieri. 31.200 i test refertati, 3.178 in più sempre rispetto a ieri.

“Già da un paio di giorni – ha specificato Venturi – stiamo assistendo ad un miglioramento dei dati relativi alla Lombardia, dove il contagio è iniziato prima, speriamo di seguire a ruota questo trend. Noi non siamo ancora in fase di rallentamento come la Lombardia perchè sul nostro territorio esistono fasi differenti della malattia e non c’è un contagio uniforme, non vedremo un calo uniforme, ma ci aspettiamo le prime contrazioni a Piacenza e a Parma che sono le province più colpite”.

In tutto, sono 3.669 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (443 in più rispetto a ieri); aumentano di poche unità quelle ricoverate in terapia intensiva, che sono 276, 7 in più rispetto a ieri. Ma crescono purtroppo i decessi, passati da 816 a 892: 76, quindi, quelli nuovi, di cui 46 uomini e 30 donne. “I dati che riguardano i casi di isolamento a casa sono confortanti – ha spiegato Venturi – perché significa che la forma di malattia è meno aggressiva.  Così come i ricoverati in terapia intensiva, solo 7 in più rispetto a ieri”.

Al tempo stesso, continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 423 (74 in più rispetto a ieri), 365 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 58 (più del doppio, rispetto a ieri quando erano 26) sono dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.