PERTITE A PARCO, E I TEMPI DELLA BONIFICA?

La partita sulle aree militari ha subito davvero una brusca accelerazione; i viaggi a Roma alla Difesa e al Demanio dall’ex sindaco Reggi si fanno sempre più frequenti, e ultimamente il primo cittadino Dosi e l’assessore Bisotti sono tornati a casa con buone notizie per la città. Ma il nodo sta nei tempi d’acquisizione e sull’utilizzo futuro da parte della città che il comune ha chiesto alla Difesa. In 3/4 anni i militari si ritireranno tra Arsenale, Macra Staveco, Scalo Pontieri e Artale; il Comune punta su ex Ospedale militare, Laboratorio Pontieri dove trovare il museo dell’agricoltura e l’ex Pertite. In cima alle priorità pare esserci proprio lei, quest’immensa area verde che una larga parte cittadini vorrebbe rimanesse tale. Ma un altro nodo pare essere la bonifica di quest’area. L’assessore Bisotti ha dichiarato al Corriere Padano che “ci vorrà ancora un congruo numero di mesi”. Il Comitato Parco Pertite ha accolto con esultanza l’annuncio: “vediamo avvicinarsi sempre più la realizzazione del parco – ha spiegato Maria Pia Romano referente del Comitato – dal prossimo incontro a Roma speriamo nella formalizzazione della cessione dell’area”. E a chi sperava in un parco verde  più in centro? “La Pertite rappresenta l’ultima area in città – risponde Romano al Corriere Padano – non possiamo non salvarla. Certo, ben vengano altre aree verdi in città, una cosa non esclude l’altra”.

 

PROVINCIA, CON I TAGLI A RISCHIO I SERVIZI ESSENZIALI

La trasferta a Roma del presidente della Provincia Francesco Rolleri non ha portato buone notizie, e c’era da aspettarselo considerati i tagli previsti dal disegno di Legge Stabilità.  La richiesta unanime da parte dei presidenti è quella di rivedere la manovra e di organizzare incontri con i capigruppo in Parlamento perche secondo questo disegno di legge sarebbero a rischio i servizi esssenziali. “La situazione ci preoccupa – ha detto Rolleri – dal momento che i tagli annunciati vanno a compromettere il funzionamento degli Enti. Come presidenti e amministratori abbiamo lanciato l’allarme”. I tagli previsti dalla legge di Stabilità sono pari a 1 miliardo per il 2015, 2 miliardi per il 2016 e 3 miliardi per il 2017, per cui a rimetterci sarebbero i servizi essenziali che restano in capo alle Province,  tanto per intenderci gestione e e manutenzione di scuole e strade oltre che interventi contro il dissesgo idrogeologico.  Nel pomeriggio una delegazione composta dai rappresentanti di Anci e Upi ha incontrato il premier Renzi: “se da una parte l’entità dei tagli è stata confermata -ha riferito Rolleri – dall’altra sono arrivate rassicurazioni alle Province sul fatto che le funzioni non fondamentali saranno in  capo ai bilancio delle Regioni”.

RUGGIERI SPOSTA LE SEDI LEGALI DI ARDELIA

Ardelia, la società di cui Dario Ruggieri è presidente,  ha spostato le sue sedi legali in altra nazione extraeuropea per motivi di sicurezza e riservatezza. È quanto compare in evidenza da oggi sul sito www.darioruggieri.com

La mente va alla conferenza stampa di Guido Molinaroli di sabato in cui ha informato come stavano le cose tra lui e il socio di maggioranza Ruggieri. Il nodo sta nei bonifici non pagati e nel contratto di sponsorizzazione da oltre 2  milioni di euro. Oggi la comunicazione del trasferimento delle sedi legali delle società collegate ad Ardelia. Esiste un collegamento? E soprattutto Riggieri manterrà la parola data a Zlatanov di versare quanto dovuto entro venerdì? Il tempo stringe e le premesse sembrano tutt’altro che rassicuranti.

molinaroli confl

REGIONALI, NEL PD DOMINA LA COMPONENTE FEMMINILE

Altro che scaldare i motori, la macchina elettorale del Pd sembra già sufficientemente riscaldata in vista delle elezioni regionali. I quattro democratici in lizza, Paola Gazzolo, Alessandro Ghisoni, Gianluigi Molinari e Katia Tarasconi, hanno tutti buone chances di entrare in consiglio, per questo la partita si fa dura a colpi di frizioni e di botta risposta, che nel Partito vengono smorzati definendoli “confronti interni sereni e costruttivi”. E’ palese che si siano formate due “squadre” tra i candidati: Gazzolo-Ghisoni da una parte e Molinari-Tarasconi dall’altra. Entrambe le coppie hanno inaugurato insieme i rispettivi point elettorali, si sono fatti fotografare insieme su manifesti e cartelloni. Ma le differenze ci sono; un pò per la corrente d’appartenenza, un pò per il meccanismo elettorale che prevede la scelta fino a due preferenze, con l’alternanza uomo donna. Proprio la componente femminile sembra particolarmente agguerrita e pronta ad affrontare la sfida per conquistare un posto in Regione. Per Paola Gazzolo sarebbe un ritorno, in quanto assessore uscente, per Katia Tarasconi, assessore comunale al secondo mandato, sarebbe un nuovo ingresso. Il terreno del vivace scambio di pareri è sul ruolo di Piacenza in Regione, quanto in questi anni ha avuto e quanto è stata valorizzata. Gazzolo porta i numeri a giustificare il fatto che in questi anni la Regione c’è sempre stata anche per Piacenza, Tarasconi invece auspica un cambio di passo di renziana memoria, più risorse per fare sentire Piacenza parte di una delle regioni più floride e non la “Cenerentola” a due passi da Milano. Tutto lascia pensare ad una scoppiettante campagna elettorale.

elezioni regionali

GIUNTA, PUGNO DI FERRO CONTRO LA SOMMINISTRAZIONE DI ALCOLICI IN VIA ROMA E DINTORNI

Ecco il primo provvedimento dell’amministrazione per contrastare fenomeni di inciviltà da cui possono derivare più o meno gravi episodi di criminalità.  La giunta ha adottato un provvedimento rivolto ai titolari di bar e negozi alimentari che operano in via Roma, Pozzo, Alberoni e Torricelle e zone limitrofe.  Si

 tratta di un invito/diffida al rispetto dell’art.18 (comma 1, lettera a) del “Regolamento di Polizia Urbana”, che prevede il divieto di vendere per asporto bevande in contenitori di vetro, nonché alcolici in qualsiasi contenitore, nella fascia oraria tra le 21 e le 7 del giorno successivo. In base a quanto approvato, i titolari di bar e negozi dovranno esporre nei loro punti vendita e in un luogo ben visibile, l’avviso del dispositivo dell’art.18 (che in tempi brevi sarà consegnato a tutti gli interessati dalla Polizia Municipale). Il cartello sarà tradotto in più lingue, per raggiungere il più vasto numero possibile di consumatori.

“Questa decisione – dichiara il sindaco Paolo Dosi – è stata assunta a seguito dei recenti episodi di inciviltà e di pregiudizio al vivere civile, spesso segnalati dai residenti nelle vie dove recentemente sono avvenuti episodi inqualificabili, in particolare in via Roma e in via Pozzo, dovuti a comportamenti e intemperanze di persone che consumano bevande alcoliche nelle vie e negli spazi pubblici”.

L’inosservanza di questo divieto comporta una sanzione pecuniaria da 500 euro oltre che provvedimenti amministrativi come la sospensione  o la revoca dell’abilitazione all’ezercizio della propria attività, e dove occorre anche la chiusura del locale da parte della Polizia Municipale. ”

Questa iniziativa – conferma Dosi – è uno strumento che affianca gli interventi che la Polizia Municipale effettua regolarmente per verificare il rispetto delle norme del Regolamento di Polizia Urbana e, al tempo stesso, conferma l’attenzione dell’Amministrazione comunale sulla sicurezza urbana”.

Conclude il primo cittadino: “Sempre nel corso della seduta odierna, la Giunta ha inoltre deciso di costituirsi parte civile per i danni alla sicurezza urbana causati sabato notte da alcuni vandali a diversi esercizi commerciali del centro storico, sicurezza da intendere come bene del territorio e che è compito dell’amministrazione tutelare”.

 

 

PRIMO CONSIGLIO PROVINCIALE, LE DELEGHE AL CENTRO DEL DIBATTITO

Il clima è diverso. Il nuovo assetto della Provincia porta con sé non poche incertezze che si riflettono anche sul clima del primo consiglio.  A partire dal personale dell’ente di via Garibaldi. Si chiama mappatura del personale e va nella direzione di capire quante sono le risorse e quanto personale è necessario per portare avanti le attività che vengono mantenute in capo alle province. Già dalla prima seduta però non mancano le polemiche; al centro del dibattito l’attribuzione delle deleghe. Pur non essendoci più una giunta,  il presidente Rolleri ha ritenuto di dover attribuire alcune deleghe ai suoi consiglieri.  Due di loro, i consiglieri Filippo Bertolini e Sergio Bursi non le hanno accettate. Bursi è andato giù pesante arrivando a dichiarare che accettare le deleghe significa rinunciare alla propria dignità.  “Io starò a guardare,  vigilero’, ma non partecipo a quella riforma che non condivido”. Di parere opposto i consiglieri Dosi, Castelli e Quintavalla. C’è il rischio che questa provincia perde in politica a favore dei tecnicismi? “Questo rischio c’è – risponde Rolleri – la mia scelta di dare le deleghe ai consiglieri va proprio in questa direzione, dare la possibilità di poter ragionare a agire in termini politici pur addossandomi tutta la responsabilità delle scelte. Quello  che auspico è una collaborazione viva e attiva tra i consiglieri”.

CDA FONDAZIONE, TOSCANI: “ABBIAMO RIMESSO IN MOTO LA MACCHINA”

E’ stato un consiglio di amministrazione di ricognizione durato oltre tre ore. Il primo che ha visto riuniti in Fondazione il presidente Massimo Toscani e i suoi sette consiglieri freschi di nomina: Roberto Rovero, Domenico Battaglia, Cesare Betti, Giorgio Milani, Giovanni Calza, Franco Egalini e Carlo Ghisoni. “Abbiamo rimesso in moto la macchina – ha detto il presidente – in un clima sereno e disteso, quasi come fossimo tra amici”. Primo punto all’ordine del giorno la nomina dei due vice: Domenico Battaglia e Roberto Rovero nel ruolo di vicario come avevamo ventilato nei giorni scorsi. Una scelta quella dell’avvocato Rovero che conferma una delle parole d’ordine che deve caratterizzare la nuova Fondazione, la legalità e trasparenza. Nel corso della seduta sono stati attribuiti alcuni incarichi particolari in base alle attività dei consiglieri, seguendo le linee che Toscani aveva annunciato dopo la nomina dei consiglieri di amministrazione. Al consigliere Betti, per esempio, è stata attribuito l’incarico di analizzare la struttura della Fondazione partendo dal personale. Ogni consigliere in base all’incarico ricevuto, sarà chiamato a riferire nel corso del consiglio generale. All’attenzione del cda il tema fondamentale dell’esame della situazione patrimoniale dell’ente e la sua organizzazione. Il notaio Toscani aveva inserito nell’elenco delle priorità proprio questo: capire a quanto ammonta il patrimonio della Fondazione; anche se non era all’ordine del giorno si è presa in considerazione l’ipotesi di individuare un advisor , probabilmente attraverso un bando di gara, che guidi e consigli l’ente nelle scelte di investimento e nella gestione del patrimonio. “Abbiamo un bilancio da leggere e valutare attentamente – ha detto Toscani – in base a quello faremo le scelte migliori per la città, nelle prossime sedute valuteremo la situazione del portafoglio e della struttura”.  Confermata l’intenzione di riunire il cda una volta alla settimana per il primo mese “per lavorare seriamente e riprendere in mano la macchina” ha riferito il notaio. Prossimo appuntamento martedì 4 novembre.

FONDAZIONE TARGA

 

BERTOLA, BORGO FAXHALL: “SIAMO PRONTI AD AZIONI ECLATANTI”

Promettono azioni eclatanti i commercianti della galleria commerciale Borgo Faxhall se non si agisce subito. Un’ esortazione più che esplicita indirizzata all’amministrazione e alla politica in generale, perchè abbandonino le chiacchiere e passino ai fatti. Hanno agli animi esacerbati da anni, ben 15, in cui si è preso atto del problema di ciò che accade attorno al centro commerciale ma non si è fatto nulla per risolverlo, per colpa di una convenzione finita male. Ma ora che un progetto c’è è doveroso portarlo avanti. E’ la sintesi del pensiero di Cesare Bertola direttore del consorzio a cui sono associati i commercianti di Borgo Faxhall che ha partecipato alla seduta di consiglio comunale proprio sulla discussione del progetto di riqualificazione. “Ci sono cittadini piacentini che hanno investito i risparmi nel loro negozio – ha detto Bertola – si sono organizzati con la sorveglianza, con le telecamere di sicurezza, e nonostante questo in 15 anni si visti isolati in un contesto degradato, in cui tutto ciò che accadeva all’esterno sembrava in realtà accadesse all’interno della galleria, e questo non è vero”. In 15 anni oltre una trentina di saracinesche si sono abbassate, le aspettative rispetto a questo luogo sono andate via via scemando. Non ci stanno ad essere classificati operatori commerciali di serie B perchè devono subire le conseguenza dell’esterno che vortica attorno alla zona della stazione e del quartiere Roma. “Il tempo delle parole è proprio finito, questo è l’unico progetto che si avvicina all’originale e mi sembra l’unico realizzabile. Siamo seduti su una polveriera, la gente prima o poi esploderà – prosegue Bertola – agiremo in qualsiasi modo e in ogni sede se avremo la percezione che la politica non prenderà le decisioni che non è più possibile demandare”.

 

REGGI AL SOLE24ORE: “ACCOMPAGNARE I COMUNI ANCHE DOPO IL TRASFERIMENTO DEI BENI”

Roberto Reggi si trova dall’altra parte della barricata; da ex sindaco di Piacenza per due mandati, oggi parla da direttore dell’agenzia del Demanio. Concretamente si tratta di gestire 47mila immobili per un valore teorico di 58 miliardi. In un articolo pubblicato oggi sul Sole 24Ore, Reggi consiglia ai sindaci “cautela” prima di acquisire un bene dal Demanio. “E’ bene che sul territorio arrivino solo i beni valorizzabili, dietro ai quali c’è davvero un progetto, altrimenti si rischia di appesantire solo le casse dell’ente” è il consiglio dell’ex primo cittadino. La sostanza è: o i Comun hanno un progetto di recupero forte che crea lavoro o altrimenti prendere il bene così com’è non ha più senso. E allora come può il Demanio facilitare queste adesioni? “Dobbiamo accompagnare i comuni anche dopo il trasferimento – spiega Reggi – soprattutto se vogliono utilizzare quel bene per fare operazioni di riqualificazione urbana”. L’operazione federalismo demaniale vale 1,3 miliardi ma può crescere molto se valorizzato con destinazioni urbanistiche appropriate. Una partita a cui anche il Comune di Piacenza sta guardando con molto interesse e attenzione; pare essere in fase avanzata, così come l’hanno descritta il sindaco Dosi e l’assessore Bisotti, il discorso di cessione di quattro aree della città (Arsanale, Macra Staveco, Scalo Pontieri, Caserma Artale) alla Difesa lasciando conseguentemente libere le altre che tornerebbero alla città. A metà novembre è previsto un nuovo incontra tra gli amministratori locali e il Demanio; in pratica si troveranno allo stesso tavolo il sindaco Dosi, l’assessore Bisotti e il direttore Reggi.

reggi

MOLINAROLI: “SENZA SOLDI COPRA ARDELIA AVRA’ 25 GIORNI DI VITA”

E’ stata una conferenza stampa tesa, sofferta, smorzata dall’ironia di Guido Molinaroli che ha reso il momento forse meno tragico di quello che in realtà è. La Copra Volley, che oggi si chiama Copra Ardelia, potrebbe avere vita brevissima, 20 – 25 giorni la massimo, se non arrivano le sponsorizzazioni promesse. Qual è il problema? Una quantità spaventosa di prodotto invenduto accumulato da Ardelia. Il nocciolo della questione che si sviluppa temporalmente da luglio a ottobre è proprio il ruolo di Ardelia e del suo presidente Dario Ruggieri, attualmente socio di maggioranza con il 51% della azioni, nonchè amministratore delegato di Biancorosso Volley. Molinaroli ha prodotto un vero e proprio dossier che cronologicamente ripercorre tutte le tappe della vicenda; dalla mail che il giornalista Daniele Reggiani residente in Svizzera, che nessuno ha mai conosciuto personalmente pur essendo stato più volte invitato a Piacenza, aveva indirizzato a Molinaroli e al sindaco Dosi per metterli in contatto con Ruggieri, alle richieste di documentazione da parte di Ruggieri, dalle copie dei contratti pubblicitari con relative mail, agli ordini di bonifico da parte di Ruggieri che, nonostante le numerose sollecitazioni via mail ed sms di Molinaroli, ad oggi non sono ancora stati accreditati sul conto corrente della società. E’ così: ci sono copie di bonifici inevasi. Dopo la presentazione di Dario Ruggieri alla città, alla fine di giugno, in cui è stato dipinto come il salvatore del volley piacentino, è stato firmato un contratto pubblicitario importante da 2 milioni 250 mila euro, successivamente è avvenuto il passaggio delle quote di Molinaroli per 60mila euro e di Monica Uccelli per 1200 euro a Dario Ruggieri. Una cessione solo sulla carta, perchè non vi è alcun bonifico. A questo fa seguito una raccomandata in cui si sollecitava il pagamento; raccomandata tornata al mittente perchè all’indirizzo non corrispondeva più la residenza di Ruggieri. Nel frattempo restava invenduto anche il prodotto pubblicitario accumulato da Ardelia, comprensivo di maglie, nastro della rete, una decina di adesivi da terra su campo, altrettanti cartelloni a bordo campo, giri led, personalizzazione delle rete da gioco, personalizzazione delle divisa del libero, solo alcune voci del lungo elenco che compare sul contratto. La parte più grottesca ma anche più triste di questa vicenda è il fitto scambio di sms tra Guido Molinaroli e Dario Ruggieri da luglio ad ottobre; una sfilza di legittime richieste da parte del primo a cui fanno seguito rimpalli, scuse, temporeggiamenti da parte del secondo.

Al fianco di Molinari, oltre al direttore sportivo Gabriele Cottarelli, era presente anche Giulio Laurenzano consigliere nominato proprio da Ruggieri. A questo giovane neo laureato, Ruggieri aveva prospettato la possibilità di fare carriera nella nuova società oltre che grandi promesse economiche. “Ero visto come lo yes men – ha detto – e la dimostrazione che oggi sono qui è esattamente il contrario. Anche da una passata collaborazione con una società di Ruggieri concretamente non ho ottenuto nulla”.

Un’ora e mezza di conferenza stampa in cui Molinaroli ha precisato le sue intenzioni: “se entro una settimana arrivano i soldi sono disposto a dimettermi e a chiedere scusa, in caso contrario ognuno si deve prendere le proprie responsabilità  e agiremo per vie legali. Oggi la questione è essere onesti – ha detto – potrei stare a guardare la nave che affonda perchè sono socio di minoranza, ma non ce la faccio. Ho voluto rendere trasparente la cosa affinchè la città sappia e capisca che in questa società non c’è alcuna problematica. Ci siamo presi degli impegni con gli atleti che oggi non possono essere pagati per colpa di una situazione che si è venuta a creare e che non abbiamo voluto noi. Per me è incomprensibile che questo sia stato fatto da un piacentino”.

Non rimane che attendere e sperare che le trattative con un imprenditore arabo, che sembra interessato alla società,  vadano a buon fine.