CONFINDUSTRIA PUNTA SULLA BLUE ECONOMY

Fare e promuovere l’economia circolare non perché è di moda ma perché è il futuro verso cui devono tendere le imprese, un ciclo sostenibile che punta al riutilizzo e al recupero. Ne è convinto il presidente di Confindustria Piacenza Alberto Rota, nel corso della 74 esima assemblea dell’associazione nella quale ha snocciolato ai soci i numeri di un anno decisamente positivo.

Economia circolare si diceva, il tema scelto dagli industriali per l’assemblea che hanno chiamato un testimonial d’eccezione il belga Gunter Pauli, iniziatore della blue economy fondatore di Zeri, la rete di scienziati, ingegneri, imprenditori che studiano nuovi modi di consumo.

ASSEMBLEA CONFAPI: “CHIEDIAMO UN’ASSESSORATO ALL’INDUSTRIA”

Concretezza per essere un punto di riferimento sul territorio. È così che Confapi Industria si è presentata alla 15esima assemblea a Palazzo Gotico. Una concretezza che passa attraverso i numeri dell’attività annuale 360 aziende per 3,1 miliardi di fatturato aggregato e attraverso proposte concrete formulate al primo cittadino patrizia barbieri, come l’istituzione di un assessorato all’industria, ma anche un’academy della meccanica per le industrie associate al fin e di offrire personale sempre più qualificato. Tra le proposte anche un progetto avanza sulla sostenibilità.

CONFINDUSTRIA, ROTA: “PER IL NUOVO OSPEDALE NOI CI SIAMO”

Un intero semestre con il fatturato in crescita, esportazioni in aumento e quel che conta di più l’occupazione a + 0.83 per cento, che pone Piacenza al terzo posto in regione. Ce fossero di bilanci così, è il pensiero di Alberto Rota presidente di Confindustria Piacenza nel giorno della 73esima assemblea alla presenza della massime autorità cittadine, a cui ha preso parte anche lo scienziato  Roberto Cingolani, direttore scientifico dell’istituto italiano di Tecnologia di Genova.

E in merito al nuovo ospedale, tema scottante dell’ultimo periodo, il presidente di Confindustria non ha dubbi: occorre farlo per il territorio con la disponibilità degli industriale di sedersi intorno al tavolo.

ASSEMBLEA MEDICI, TRA NUOVE LEVE E VETERANI DELLA PROFESSIONE

La professione del medico e’ cambiata ma continua a mantenere inalterate esigenze del paziente e responsabilità. Così il Presidente dell’Ordine dei Medici di Piacenza Augusto Pagani ha definito la professione nonostante i tempi siano certamente cambiati e in continua evoluzione. L’occasione per tracciare il bilancio delle attività dell’ordine piacentino e’ stata l’assemblea di OMCeO nella quale si è celebrata la 3^ Giornata del Medico e dell’Odontoiatra, con le premiazioni dei medici Ovidio Mauro Bianchi, Giacomo Bongiorni, Emilio Curtoni, Dino Giorgi Pierfranceschi, Giuseppe Locardi e Arturo Todeschini per i loro 50 anni di laurea e il giuramento professionale dei neo iscritti Giulia Accordino,Maria Cecilia Bertaccini, Federico Biondi, Margherita Campominosi, Giulia Capurri, Ramona Cordani, Anna Dodi, Micaela Gentile, Giacomo Groppi, Simona Marani, Laura Mazzoni, Maria Cecilia Merli, Dario Pavesi, Diego Penela Maceda, Chiara Ratti, Sara Razza, Nicholas Rizzi, Cristina Rovelli, Giulia Sartori, Serena Zaghis.

Nel corso della relazione morale il presidente Pagani ha specificato quanto sia importante la collaborazione con il territorio, Comune, Fondazione di Piacenza e Vigevano e Ausl che per la prima volta quest’anno ha partecipato all’assemblea. Fondamentale – ha detto – e’ la collaborazione con le altre professioni nel rispetto delle competenze; massima apertura alle novità a patto che tutto venga fatto nel rispetto delle regole, in modo deontologicamemte corretto.

imageimageimage

PADOAN: “TRIBUTI SOSPESI PER LE ZONE ALLUVIONATE”

L’annuncio ufficiale è arrivato dal Ministro all’Economia Pier Carlo Padoan, ospite d’onore all’assemblea di Confcooperative: il Governo ha firmato il decreto per la sospensione dei tributi per le popolazioni piacentine colpite dall’alluvione del settembre scorso da gennaio e giugno 2016. Una notizia attesa perchè da quel giorno i cittadini sono son o stati costretti a chiudere le loro attività e che si sono trovati la casa inagibile, non sono più riusciti a pagare puntualmente le tasse.

Tra gli ospiti il presidente nazionale di Confcooperative Maurizio Gardini che si è soffermato sulla riforma della banche del credito cooperativo. “Il credito cooperativo ha bisogno di una riforma – ha detto – che dia unità, credo e coesione per affrontare questo momento delicato per le banche, ma la riforma licenziata dal consiglio dei ministri ci lascia molto perplessi”. Con 103 cooperative per un fatturato di oltre 305 milioni di euro, creando occupazione per 4410 lavoratori, Confcooperative Piacenza si conferma una realtà solida che raggruppa al suo interno imprese impegnate in diversi settori. Per 12 anni guida piacentina Francesco Milza presidente uscente, oggi presidente regionale di Confcooperative.