FIVI 2019: LA NONA EDIZIONE HA FATTO CENTRO

Il rapporto diretto con il consumatore è il segreto del successo della mostra mercato dei vignaioli indipendenti. Nona edizione superata a pieni voti anche grazie ad alcune novità: l’aggiunta del terzo giorno, lunedì al week end soprattutto per favorire gli operatori del settore, la disponibilità di 1200 carrelli per i propri acquisti. 626 espositori provenienti da ogni regioni italiana, tra loro anche un buon numero di vignaioli piacentini.

FIVI 2019: DA DUE A TRE GIORNI PER VISITARE LA MOSTRA MERCATO

Due giornate anziché tre, un aumento degli espositori, l’apertura delle casse un’ora prima dell’inizio della manifestazione e quasi 1200 carrelli per caricare i propri acquisti che, in questo caso, saranno bottiglie di vino prelibato. Sono tante le novità per la nona edizione del Mercato dei Vignaioli Indipendenti, a Piacenza Expo dal 23 al 25 novembre. Un giorno in più, il lunedì, rispetto alle precedenti edizioni per dare la possibilità davvero a tutti di visitare la mostra mercato ed avere un rapporto ancora più diretto con i vignaioli che quest’anno saranno 626 provenienti da ogni regione italiana.

QUANDO AMORE E PASSIONE FANNO IL VINO

Sette anni fa erano molti meno e, soprattutto, molto di meno li conoscevano. Oggi il mercato dei vignaioli indipendenti, quei produttori che seguono tutte le fasi della lavorazione delle uve dalla vigna alla bottiglia, sono una realtà ben presente e fortemente apprezzata. Prova ne è l’indiscusso successo della settima edizione del mercato dei vini dei vignaioli indipendenti che ha occupato i padiglioni di Piacenza Expo. Tutta l’Italia, dall’Alto Adige alla sicilia, è stata rappresentata dai 510 produttori che hanno fatto degustare i propri vini.

MERCATO DEI VINI: A QUOTA 510 VIGNAIOLI INDIPENDENTI

E’ già un’edizione da record ancora prima del taglio del nastro, almeno per i numeri: 510 i vignaioli indipendenti che riempiranno gli spazi di Piacenza Expo per la settima edizione del mercato dei vini della Fivi. Due giorni, 25 e 26 novembre, dedicati alla scoperta e alla conoscenza di chi si occupa direttamente del proprio vino, dell’intero ciclo dalla vigna alla cantina.

VIGNAIOLI INDIPENDENTI: QUANDO LA NATURA ENTRA NEL VINO

Hanno affollato per due giorni il padiglione principale del quartiere fieristico i 427 vignaioli indipendenti della FIVI in occasione della sesta edizione del mercato dei vini; 27% in più rispetto allo scorso anno, l’edizione 2016 del mercato dei vignaioli indipendenti si è confermato essere un punto di riferimento per tutti i produttori del vino secondo natura che si stanno conquistando, malgrado la burocrazia, una sempre più grande fetta di mercato. L’evento è considerato una grande festa di fine raccolto a cui la gran parte degli associati Fivi tiene ad essere presente sia per un momento conviviale sia per presentare il prodotto, quest’anno di ottima qualità.

VIGNAIOLI INDIPENDENTI, STORIE DI VITA E DI PASSIONE PER LA TERRA

Si prendono cura del prodotto fin dall’inizio, curandone ogni aspetto dalla vigna alla bottiglia. Per gli 800 vignaioli indipendenti riuniti della FIVI produrre vino è una missione più che una professione. Ognuno di loro ha una storia, un passato e  un presente da raccontare spesso racchiusi in un calice. La Fiera Mercato dei Vini ha riunito a Piacenza Expo 250 vignaioli indipendenti provenienti da 19 regioni italiane. E’ stata una due giorni per degustare centinaia di vini di tutte le tipologie, la maggioranza prodotti da vigneti autoctoni. Gli organizzatori hanno voluto dedicare un importante momento al vignaiolo Lino Maga, 80 anni, che ha dedicato la vita alla custodia e alla promozione della sue terra attraverso un vino simbolo, il Barbacarlo, consegnandogli il premio “Romano Levi”.