CROLLO PONTE LENZINO: 6 MESI PER LA STRUTTURA PROVVISORIA

Ci vorranno 5/6 mesi per realizzare il ponte provvisorio a monte di quello crollato pochi giorni fa in località Lenzino, nel frattempo sarà garantita una viabilità alternativa sia per quanto riguarda il territorio di Piacenza che quello di Pavia. E’ quanto emerso dal tavolo in Prefettura a cui hanno partecipato la presidente della Provincia Barbieri, il prefetto Lupo, l’assessore regionale ai Trasporti Corsini e alla Protezione Civile Priolo.

“Parallelamente, Anas, a cui compete la gestione della Statale 45 – ha spiegato l’assessore Corsini-  realizzerà il progetto per ricostruire un nuovo ponte, che sostituirà quello crollato”.
Domani verrà fatto un sopralluogo per decidere dove realizzare il ponte provvisorio e per approntare gli interventi necessari a garantire una viabilità alternativa – che esiste già – prestando particolare attenzione a definire una segnaletica chiara ed immediatamente comprensibile.

“Ho chiesto di velocizzare al massimo tutte le procedure- prosegue Corsini- offrendo la massima disponibilità da parte della Regione, in questo senso, per quanto riguarda tutte le procedure di autorizzazione”.
“Quella Statale, la 45, rappresenta davvero una pagina nera- ha concluso l’assessore ai Trasporti- La sua riqualificazione è prevista da 10 anni nei programmi di Anas, con un costo 120 milioni di euro. E’ ora di realizzarla”.

Oltre all’aspetto della viabilità ci sono anche altri aspetti da valutare come l’assistenza alla popolazione, la vicinanza alle amministrazioni locali e le attività economiche coinvolte in questa vicenda.

“Stiamo lavorando in raccordo con la Protezione civile nazionale- spiega Irene Priolo, assessore regionale alla Protezione civile- per attivare la procedura per la richiesta di stato di emergenza nazionale oltre che per gli aspetti di viabilità anche per quelli legati all’assistenza alla popolazione, alle amministrazioni locali ed alle attività produttive a seguito delle criticità a cui sono sottoposte per l’interruzione di questa viabilità principale”.
“A questo scopo- prosegue Priolo- i nostri tecnici saranno presenti ai sopralluoghi che si faranno a partire da domani per la stesura della relazione necessaria per l’attivazione della procedura nazionale”.
“La provincia di Piacenza- conclude l’assessore alla Protezione civile- era già stata duramente colpita da Covid-19 e non possiamo permettere che questo ulteriore episodio metta in ginocchio una valle che, per la Regione, è un fiore all’occhiello”.

BORRE’: “CI VOGLIONO INCENTIVI PER RESTARE IN MONTAGNA”

Entusiasmo, orgoglio e impegno per mantenere viva la montagna. Ne ha da vendere Claudia Borrè, sindaco di Zerba in scadenza di mandato. Nonostante non sia facile. I nervi scoperti restano, da anni, lo spopolamento e le infrastrutture. Ecco il bilancio dei suoi 15 anni da primi cittadino che, a luglio, ha deciso di aprire un ristorante, Osteria La S’cianza.

PUNTARE SULL’EXPORT PER RILANCIARE IL SISTEMA PRODUTTIVO

Agroalimentare, oil & gas, meccanica e infrastrutture. Le quattro filiere produttive cardine del nostro territorio che possono e devono trovare possibilità di sviluppo nell’export, non solo in Europa, dove è più semplice esportare, ma anche e soprattutto in quei paesi emergenti, nei quali la lingua e le leggi sono differenti. Roberto Luongo, Direttore Generale dell’Ice, l’agenzia per la promozione all’estero e l’internalizzazione delle imprese italiane ha incontrato a Piacenza i principali esponenti del tessuto economico piacentino all’estero. Una possibilità per le imprese di scoprire opportunità di sviluppo in mercati più o meno conosciuti grazie all’assistenza che agenzie come Ice offrono.