CERTIFICATO MEDICO TRA CERTEZZE ED INCERTEZZE DI UN ATTO DOVUTO. SABATO IL CONVEGNO

E’ il più diffuso tra gli atti che quotidianamente il medico compie: il certificato sarà al centro del convegno nazionale in programma sabato 31 ottobre alla Sala Panini di Palazzo Galli. “Il certificato medico: tra certezze e incertezze di un atto dovuto”, questo il titolo dell’evento, organizzato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Piacenza con la collaborazione scientifica della Società Bio-Giuridica Piacentina, che gode del patrocinio della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Tra i relatori Umberto Genovese, Ordinario Medicina Legale a Milano (“Il portato giuridico-deontologico del certificato medico”), Claudio Zauli, Primario medico legale INPS Genova (“Il certificato di malattia comunen INPS”), Patrizio Rossi, della Dirigenza nazionale INAIL (“La certificazione Inail da infortunio”), Giovanni Lombardi, Direttore U.O. Medicina del Lavoro AUSL Piacenza (“Il certificato di malattia professionale e il referto”), Anna Maria Greco, Direttore U.O. Medicina Legale AUSL Piacenza (“Il certificato di morte e quello a uso assicurazioni sociali”), Marcello Valdini, Medico-legale e Presidente Società Bio-Giuridica Piacentina (“Il certificato a uso assicurativo”), e Roberto Fontana, Sostituto Procuratore della Repubblica a Piacenza (“Il certificato falso e il falso in certificato”).

certificato medico

MEDICINA ALTERNATIVA E TRADIZIONALE, INSIEME PER UN RISULTATO EFFICACE

Sono sempre coloro che scelgono di avvicinarsi alle medicine non convenzionali. I dati sono in costante crescita. L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Piacenza, con la collaborazione scientifica della Società Bio-Giuridica piacentina, ha organizzato un convegno per fare chiarezza sui diversi ambiti in cui entra la medicina non convenzionale. Si sono confrontati esperti illustri, medici cosiddetti tradizionali e rappresentanti della medicina alternativa, omeopati, agopuntori, fitoterapeuti. Obiettivo il riconoscimento della dignità e della affidabilità delle medicine non convenzionali (o integrative), che si devono porre e proporre non come contrapposizione o alternativa alla medicina tradizionale, ma come integrazione della cura utile al malato, e che in ogni caso devono essere praticate nel rispetto delle leggi e del codice deontologico e supportate dal necessario percorso formativo. Nel corso del convegno si è parlato anche di diete ed alimentazione; sempre più spesso vengono pubblicizzate, soprattutto in tv, diete miracolose che promettono una repentina perdita di peso con l’assunzione o, talvolta, la non assunzione, di prodotti specifici. La maggior parte di queste – hanno spiegato gli esperti – non ha alcuna valenza scientifica.