BERSANI: “RENZI RICONOSCA IL DISAGIO DEL PD”

La base fatica a riconoscersi in questo PD, c’è un disagio evidente che va risolto. E’ il tema di fondo delle riflessioni dell’ex segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani a Piacenza in occasione della festa del PD. Un tema che peraltro, Bersani non ha mancato di rimarcare neppure qualche giorno fa a Milano. Appena salito sul palco, il parlamentare intervistato dal giornalista Carlandrea Triscornia, ha consegnato una targa in ricordo di Prospero Cravedi alla moglie Angela, un abbraccio sincero per ricordare ancora una volta “un vero testimone delle vicende politiche piacentine” ha detto Bersani. Poi spazio alla politica: partendo proprio dagli elettori e da quella percezione di disagio sente tra gli elettori storici della sinistra. “Ho conosciuto un bel pò il nostro popolo – ha detto – so quante ne ha mandate giù, purchè sia sicuro di te, purchè non abbia il dubbio di essere portato dove non vuole andare.  Il PD è un partito dei centrosinistra, alternativo alla destra, un compimento dell’Ulivo, non il partito della nazione”. Bordate al premier non ne sono mancate: “A Renzi direi – rispondendo alle domande del giornalista – ti ricordi quando io da segretario ho fatto una deroga perchè tu potessi candidarti? L’ho fatto – ha proseguito- perchè sapevo che altrimenti potevamo perdere un pezzo di Pd. Allo stesso modo bisogna che riconosci che c’è questo problema e farti qualche sforzo per risolverlo”. Poi il tema dell’immigrazione, un fatto di portata storica che “o si risolve con la diplomazia – sostiene l’ex segretario – oppure avremo una guerra endemica”.

“PIANO EDUCATIVO” DEL GOVERNO, SINDACATI SCETTICI

Il “piano educativo” presentato dal premier Renzi con un messaggio on line, nel consueto stile sobrio ed essenziale, è stato accolto un pò freddamente dai sindacati. Nonostante nel suo messaggio di quasi 4 minuti il premier abbia ripetuto più d’una volta che la scuola deve essere al centro delle priorità del Governo, che non deve essere l’ultima ruota del carro ma che, al contrario, è il cuore di tutto, non è riuscito a trasmettere l’entusiasmo sperato ai rappresentanti delle parti sociali. Non ha convinto neppure la campagna di ascolto sulle linee della scuola dal 15 settembre al 15 novembre. Manuela Calza della Cgil Scuola è molto critica: “speriamo che ci siano anche convocazioni formali non solo comunicazioni on line. Auspico incontri diretti con i rappresentanti dei lavoratori e soprattutto un sostanziale rinnovo contrattuale”. Par di capire che, almeno a livello locale, in pochi risponderanno positivamente all’appello di Renzi di portare idee nuove e suggerimenti nei prossimi due mesi. “Non è il canale che intendiamo utilizzare – specifica Calza – e sui contenuti esprimiamo parecchie criticità per cui non escludiamo di organizzare mobilitazioni anche a livello locale”.

scuola insegnanti