ANCORA 23 VITTIME A PIACENZA. VENTURI: “SE NON STATE A CASA IL SISTEMA SANITARIO RISCHIA IL COLLASSO”. A BREVE UN NUOVO OSPEDALE DA CAMPO

“Se non restate a casa rischiamo che il sistema sanitario non riesca a far fronte alle necessità delle prossime settimane. Se non state a casa, come vi raccomandiamo da giorni, si prenderanno provvedimenti più coercitivi. Nei prossimi dieci giorni ci metteremo in gioco il sistema sanitario nazionale”. Sono le parole risolute pronunciate dal commissario ad acta Sergio Venturi al termine della giornaliera diretta facebook dalla pagina della Regione.  “In tutta l’Emilia ci sono 197 ricoverati in terapia intensiva, 28 in più rispetto a ieri, non mettiamo a repentaglio la possibilità di essere curati nel modo adeguato”.

Un nuovo duro e risoluto appello a restare a casa, che questa volta suona molto più che un consiglio ma, giustamente, un obbligo. “Basta passeggiate, basta corse mattutine, se non lo volete fare per voi, fatelo per chi lavora h24 in condizioni non sempre di sicurezza, che si prodiga per curare i malati e non sempre ci riesce. State a casa perché non c’è più tempo”.

Sono 3522 i contagiati in regione, di cui oltre un terzo in isolamento domiciliare; a Piacenza sono saliti a 1073, più 54 rispetto a ieri, con un incremento del 5% in linea con i giorni scorsi. E poi ancora una volta il bollettino dei decessi, implacabile, come se fossimo in guerra. 23 i decessi a Piacenza, ancora una giornata drammatica, un dato altissimo che porta a 346 il totale dei morti in regione, 62 in più rispetto a ieri.

Tra le novità che riguardano la città, l’allestimento di un ospedale da campo con 18 posti letto di cui 3 di terapia intensiva e 15 ordinari, con una propria dotazione di personale medico e infermieristico. ” Piacenza potrà così contare su un totale di 565 posti letto, di cui 40 per terapia intensiva”.

CENTRO PARALIMPICO A VILLANOVA, I SINDACI VOGLIONO CERTEZZE

Da una parte la regione esorta i sindaci a decidere da che parte stare, dall’altra i primi cittadini vogliono certezze e chiedono di conoscere il progetto. Al centro del dibattito c’è la spinosa questione del riordino delle rete ospedaliera approvata dalla Conferenza Socio Sanitaria il 31 marzo scorso. Certo con una maggioranza risicatissima dello 0,67%, ma pur sempre approvata. Una decisione che vede, ancora oggi, la forte contrarietà di molti sindaci, oltre che dei cittadini- ciò che non piace è il trasferimento dell’unità spinale dall’ospedale di Villanova, che verrebbe di fatto svuotato di un centro di eccellenza per rispondere ai parametri normativi di sicurezza , al nuovo nosocomio di Fiorenzuola.

NUOVO OSPEDALE, CE N’E’ BISOGNO?

L’annuncio è di quelli spiazzanti. L’assessore regionale alla sanità Sergio Venturi, nella sua visita piacentina, ha annunciato che la regione nei prossimi cinque anni investirà su due tre ospedali, quelli che più ne hanno necessità, tra cui quello piacentino. Un nuovo ospedale che si traduce in una nuova struttura? Viene da chiedersi: ma il nosocomio di Piacenza necessita di maggiori spazi rispetto a quelli attuali oppure si tratta di una modernizzazione dei luoghi? Riflessioni che davanti ad un annuncio di questo tipo ci sembrano doverose. Certo il tema porta con sè il recupero di spazi lasciati vuoti, e la mente corre alle ex caserme militari in via di dismissione che torneranno alla città. Ma i luoghi non mancano neppure all’interno dell’area che ospita attualmente l’ospedale, antichi chiostri del 400 oggi utilizzati come magazzini.