“PER PIGAZZANO CI VUOLE L’AIUTO DELLE ISTITUZIONI”

Non è solo un luogo oggettivamente bello da cui lo sguardo corre verso un’orizzonte infinito, ma è sopratutto un luogo del territorio, un luogo che connota e caratterizza una parte della nostra montagna. Pigazzano, che da lassù domina il Trebbia fino alla città, è quella terrazza. Quel piccolo lembo di cemento, che funge anche da sagrato della chiesetta, che oggi è transennato per sicurezza. Gli smottamenti del terreno avrebbero reso la struttura non idonea a sopportare pesi eccessivi, così, dopo un sopralluogo, il geometra della curia, in accordo con il parroco e il comune di Travo, ha predisposto il divieto di accesso alla terrazza come mostrano i cartelli e le fettucce bianche e rosse. “E’ da anni che la struttura è in queste condizioni – spiega Alessandro Castellani, pigazzanese e consigliere comunale di Travo – oggi si rendono necessari interventi più profondi. Per me questo luogo è unico, quando dico che abito a Pigazzano tutti lo collegano alla terrazza panoramica. Nessuno di noi può essere indifferente a questa situazione”. Un divieto che probabilmente si è reso necessario proprio in queste giornate in cui il borgo di Pigazzano si popola di turisti, tra feste di paese e festeggiamenti per il ferragosto. Ma sono gli abitanti stessi a mobilitarsi al grido La terrazza non deve chiudere. E’ già nata una pagina Facebook “salviamo la terrazza panoramica di Pigazzano”, ma i cittadini chiedono anche una mano alla politica e alla Curia. “Il sindaco ha già incontrato il vescovo – ha spiegato Castellani – per esporgli la situazione. Ha chiesto di poter avere la relazione in cui ci sarà lo studio che, effettivamente, conferma che il terreno è soggetto a smottamenti e che quindi è necessaria la chiusura”. Tra i residenti serpeggia il timore che la chiusura della terrazza sia la prima mossa verso la chiusura della chiesa, ipotesi esclusa dal parroco don Pierluigi Boracco che, confidando nella vendita della canonica attigua, conta di poter sistemare la terrazza, facendo affidamento anche sulla curia e su roma per salvare i santuari di provincia. La chiesetta di Pigazzano e la sua terrazza sono state sono state inserite dal Fai nei Luoghi del cuore, conquistando il primo posto a livello provinciale, il terzo regionale e il 47 esimo nazionale. “La terrazza non deve chiudere – conferma Valter Arianti titolare dell’omonima trattoria nella piazza del paese – ci mobiliteremo, raccoglieremo le firme come qualche anno fa con i Fai, 1700 firme in poco più di un mese, ma dobbiamo avere l’aiuto anche delle istituzioni”.