FONDAZIONE PIACENZA E VIGEVANO: 30 ANNI FESTEGGIATI AL MONASTERO DI SANTA CHIARA

Dall’11 al 14 dicembre la Fondazione di Piacenza e Vigevano celebra i 30 anni di vita, lo fa con un evento unico; cinque spettacoli diversi si alterneranno nel corso dei quattro giorni all’interno del monastero di Santa Chiara da decenni chiuso al pubblico. Per prenotare gli ingressi gratuiti è necessario chiamare lo 0523/311111 o inviare una mail a info@lafondazione.com

LUCIA PINI: “PIACENZA NON ABBIA COMPLESSI D’INFERIORITA'”

Ascolto e comprensione della realtà, rispettando le forti aspettative che la città ha verso la galleria. In punta di piedi ma con determinazione, la nuova direttrice della Ricci Oddi, Lucia Pini sta mettendo a fuoco le grandi potenzialità della galleria e la forte energia positiva che si respira in città dal punto di vista culturale. Un binomio vincente che, se ben sfruttato, porterà certamente ottimi risultati. Alla guida della Ricci Oddi da neppure due mesi, la priorità è ben chiara: per prima cosa ridare bellezza ed eleganza al luogo dal punti di vista dell’allestimento. E riguardo alle aspettative che la città nutre verso di lei: “Cerco di non pensarci troppo – ci dice – vado avanti un piede dopo l’altro portando a casa nuovi progetti”.

TEATRO TRIESTE 34: SI RICOMINCIA CON LA CASTAGNA MATTA 2

L’incipit è “ricominciamo tra entusiasmo e tanta prudenza”. Così Filippo Arcelloni, attore e direttore artistico del Teatro Trieste 34 presenta la nuova stagione.

Teatri al 100% non si sa per quanto, numeri dei contagi destinati a salire, impongono una prudenza che non è mai troppa, ma l’importante è esserci. E il Trieste 34 c’è eccome. Si parte il 19 novembre, per tre week end, fino al 5 dicembre con la seconda edizione della Castagna Matta, che vedrà alternarsi prosa, danza e teatro per bambini. E quest’anno, oltre alla possibilità di poter assistere dal vivo agli spettacoli, viene nuovamente offerta la possibilità delle dirette in streaming curate da Zerocinque23.

TORNA “PROFONDO GIALLO”: TRA TEATRO, READING E SERATE LIVE

Dopo lo stop del 2020 torna “Profondo Giallo”, la rassegna dedicata al noir che quest’anno coinvolge numeroso luoghi della città. Tutto i dettagli del programma sul sito www.festivalprofondogiallo.it : si tratta di un vero e proprio “novembre giallo” con 14 incontri con autori di profilo nazionale, uno spettacolo teatrale, due reading letterari, un film e una serata live. Oltre a tutto questo, nella due giorni a Palazzo Farnese non mancherà un mercatino dove
trovare tantissima letteratura gialla e una serata “extra”, quella al Dubliners Irish Pub dove andrà in scena la cena con delitto.

La terza edizione di Profondo Giallo durerà oltre due settimane, dall’apertura di
sabato 6 fino alla chiusura di martedì 23 novembre, spaziando dai libri al cinema, dalla musica al teatro.

L’anteprima consiste in un doppio appuntamento letterario a Palazzo Farnese: sabato 6 alle 17.30 sarà ospite un vecchio amico del festival, Valerio Varesi, che presenterà il suo “Reo confesso” (Mondadori), mentre il giorno successivo, domenica 7 alle 17.30, sarà la volta di Piergiorgio Pulixi con “Per mia colpa”, edito da Mondadori.

Novità della terza edizione sono però i due reading di testi inediti e scritti
appositamente per Profondo Giallo: giovedì 11 alle 21 presso la prestigiosa location della Galleria Alberoni Grazia Verasani, l’amatissima creatrice di Giorgia Cantini, leggerà il suo testo dedicato all’Ecce Homo di Antonello da Messina, mentre domenica 14 alle 18, a Palazzo Farnese, Fausto Vitaliano, sceneggiatore di punta di Topolino, omaggerà il Fegato etrusco custodito nei Musei Civici.

KLIMT: PROSSIMA TAPPA ROMA – PIACENZA

Un Klimt pubblico e uno più intimo, saranno svelati presto al pubblico grazie ad una mostra, che ha i tratti di una vera e propria operazione culturale di carattere internazionale. Si chiama Klimt progetto 2021 2022 Roma Piacenza: il protagonista, è chiaro, sarà il grande pittore austriaco le cui opere legheranno molto più che virtualmente, Piacenza e la capitale. La presentazione del progetto è avvenuta on line, dalla galleria Ricci Oddi dove è esposto il Ritratto di Signora.

La mostra romana si svolgerà dal 27 ottobre a palazzo Braschi fino a marzo, dove sarà messa in luce la parte più pubblica del pittore; a Piacenza invece dal 5 aprile 2022 fino a luglio sarà il Klimt più intimo ad emergere dalle 60 opere che saranno esposte alla galleria Ricci Oddi e in altri spazi si cui al momento non c’è conferma.

“LE ORE DELLE SPOSE”, IL LINGUAGGIO TEATRALE CHE UNISCE E SALVA

Ha utilizzato il linguaggio universale dell’arte, per spiegare il complicato universo femminile, semplificando e rendendolo più reale del reale. La teologa piacentina Fracesca Bocca Aldaqre ha scelto, per la prima volta, il teatro per raccontare la storia di Giuditta e Arianna nello spettacolo Le Ore delle Spose, in scena l’8 e il 9 ottobre al Coccia di Novara, prendendo l’ispirazione dalla favola di Barbablù. Una storia che analizza l’universo femminile in tutte le sua sfaccettature, che parte dal sé frammentato delle due protagoniste, Giuditta e Arianna, fino alla salvezza insieme. Da qui siamo partite nell’intervista con Francesca e Lejla, direttrice delle Comunità Islamica di Piacenza.

ECCO IL FARNESE COME NON L’AVETE MAI VISTO

Un percorso sensoriale da togliere il fiato, nel vero senso della parola, sia per i 215 gradini da affrontare, per la verità fattibili ai più, sia per le meraviglie che si presentano agli occhi. Farnese segreto è questo: scorci, angoli, soffitti, dipinti del tutto inediti, stanze riscoperte un po’ per caso e riportate alla luce nel modo migliore possibile.

Il palazzo è percorso verticalmente: 40 metri precisi di altezza, grazie alla scala a chiocciola i cui affacci fanno godere di uno skyline davvero suggestivo sulla parte nord della città. Partendo dai sotterranei dove si trova il museo delle carrozze si sale fino all’archivio di Stato, da lì si intraprenderà un percorso in discesa che comprende inizialmente la Cappella Ducale, visibile dalla cantoria di destra  e proseguirà nella Pinacoteca, nel cosiddetto “Appartamento Dorato” con le sue mirabili volte affrescate.

Il percorso sarà visitabile dal 25 settembre al 5 dicembre. Consigliabile la prenotazione.

TORNA LA SATIRA DI SATIRI DI STORIE FESTIVAL, ECCO IL PROGRAMMA

E’ pronta l’edizione 2021 di Satire di Storie Festival, con un programma davvero imperdibile: intanto le date, 25 e 26 settembre. Ecco i protagonisti scelti da Letizia Bravi che si occupa della direzione artistica del festival, giunto alla V edizione.

Sabato 25, alle 21.30, alla Corte Faggiola, sarà la volta di Walter Leonardi in Recital: una raccolta di monologhi e canzoni ironiche e non, che spaziano dalla politica alle religioni, passando per la crisi economica, tradimenti e auto-innamoramenti, amore e morte. Ovvero: satira dell’uomo contemporaneo.

Leonardi lavora in teatro, cinema e televisione, ha collaborato anche con Paolo Rossi e Serena Dandini. Ha collaborato con Caterpillar, trasmissione di punta di RADIO RAI2. E’ attualmente al cinema con “Comedians” di Gabriele Salvatores. L’ingresso allo spettacolo sarà libero, è obbligatoria la prenotazione al numero 3385429979.

Domenica 26, alle 21, presso il Teatro Trieste 34, sarà Laura Formenti la protagonista del festival con Brava, per essere una pugile. Questo spettacolo comincia dalla coda: se la bravura è il punto di partenza cosa c’è alla fine? Alla fine c’è l’inizio: c’è la vita in un paese di 5074 abitanti, la paura di vedere le proprie ginocchia invecchiare, il sesto senso femminile: il senso di colpa, l’avvincente scoperta del sesso sui libri di scienze…. ma almeno con la consapevolezza che sei brava (per essere un pugile). 

Laura Formenti è un’attrice, comica, performer e trampoliera. Ha recitato in sitcom sia per il web che per la tv e partecipato alle trasmissioni televisive Colorado, Pomeriggio 5, Natural Born Comedians, Stand up comedy e Italia’s Got Talent dove è finalista nell’edizione 2021. Il costo del biglietto è 10 euro. E’ obbligatoria la prenotazione al numero 3385429979.

Per accedere agli spettacoli sono necessari green pass e mascherina.

VIAGGIO NELLA STORIA ALLA SCOPERTA DEL FARNESE SEGRETO

Ci sono luoghi che danno emozioni, anche solo ad ammirarli. Uno di questi è Palazzo Farnese, portentoso ed elegante ma per certi aspetti impenetrabile. Sarà svelato nei suoi antri più nascosti tra poche settimane, grazie al percorso Farnese Segreto organizzato dall’assessorato alla cultura del comune di piacenza. Per la prima volta si potrà godere della bellezza degli interni del palazzo dai sotterranei al sottotetto in un’esperienza immersiva e coinvolgente. Ecco una piccola anteprima.

#ESTARTEFARNESE, GRAN FINALE IN DANZA

Gran finale all’insegna della danza per la rassegna #EstateFarnrese che dal mese di giugno ha contributo a rendere viva ed attrattiva la proposta culturale piacentina nella prestigiosa cornice di Palazzo Farnese.

Ripartire ballando” è il titolo dell’evento in cartellone lunedì 13 settembre, con
inizio alle 21, una serata nel segno della voglia di rimettere in movimento tutto il settore della danza piacentina. Vi prenderanno parte infatti otto scuole di danza di Piacenza e provincia: “La Stanza di Danza”, “Petit Pas”, “Alive Dance Studio”, “Hip Hop Shock”, “Dance Art Academy”, “Il Palcoscenico”, “Tersicore” e “Step by Step”. “La lunga inattività delle scuole di danza a causa del Covid – spiegano gli organizzatori – rende questo momento di incontro ancor più speciale e ogni scuola porterà in scena una o più coreografie di stili tra loro differenti ma che più le contraddistingue, tutte animate da una grande voglia di riprendere a lavorare sempre più energia: classico, moderno, contemporaneo, neo classico, hip hop, break dance, video dance, urban contemporary, streetdance”.

Martedì 14 settembre, sempre alle 21, la magnifica cornice di Palazzo Farnese che in questi mesi ha visto avvicendarsi più di cento eventi, chiude la propria estate con il Piacenza Art Ballet, il centro danza nato nel 2017 e l’Étoile Ballet Theatre, compagnia di balletto professionale internazionale fondata nel settembre del 2020. La serata proporrà alcuni estratti delle creazioni più famose dei direttori artistici e primi ballerini internazionali Ines Albertini e Walter Angelini, che dopo dodici anni di successi negli Stati Uniti tornano a calcare le scene italiane.

Per l’acquisto del ticket di ingresso, per entrambi gli spettacoli, occorre rivolgersi alla biglietteria di Teatro Gioco Vita, aperta dal mercoledì al sabato, dalle 10 alle 13 in via San Siro 9 (tel. 0523-315578, email biglietteria@teatrogiocovita.it), oppure online tramite il circuito Vivaticket nonché, la sera stessa dello show, a Palazzo Farnese a partire dalle due ore precedenti l’inizio dell’evento.