CASERMA DI VIALE DANTE VERSO IL RECUPERO. SI PARTE CON IL PARCHEGGIO

La vecchia caserma dei Vigili del Fuoco di viale Dante verrà, in parte, restituita alla città. In che modo? Per il momento con la concessione a titolo gratuito al Comune da parte della Provincia del cortile interno che verrà a giorni adibito a parcheggio in concomitanza dei lavori stradali sulla via. L’operazione è stata possibile perchè la caserma è uscita dal piano di alienazioni della Provincia. Ecco a disposizione della città un centinaio di posti auto. Ma nei progetti degli amministratori locali, c’è dell’altro. L’idea è di un riutilizzo dell’intera area dividendola per lotti. Di certo c’è che per metà settembre verrà resa nuovamente agibile la palestra a disposizione delle scuole e delle associazioni cittadine nelle ore serali. La parte che ospitava gli uffici potrebbe essere destinata ancora a questo uso sia pubblico che privato, la parte opposta rispetto all’ingresso potrebbe essere adibito a servizi educativi o centro diurno per anziani all’insegna del social housing. Sulla carta un’ottima idea che va nella direzione di un riutilizzo di spazi e luoghi che diversamente sarebbero dimenticati. Certo occorre fare due conti: a quanto ammonterebbero gli investimenti per un riutilizzo di questo tipo, anche considerato che attualmente l’intero edificio non versa in condizioni ottimali? Al momento è impossibile avere una risposta precisa, per ora accontentiamoci delle certezze, parcheggio e palestra. Tutto sommato cose non da poco di questi tempi.

vvftrespidicisinivvf trespidi2vvf trespidi3vvtrespidi6vvf casino

CERCASI IMPRENDITORE PER SALVARE LA SANDVIK

Oggi seduto al tavolo istituzionale c’era anche il vice presidente di produzione Goran Bjorkman. Stiamo parlando del secondo incontro per scongiurare la chiusura della Sanvik di San Polo. In Provincia si sono riuniti i rappresentanti dell’ente, Comune di Podenzano, Confindustria e un rappresentante dell’azienda.

Pare si sia aperto uno spiraglio per la possibile futura scissione, da parte di Sandvik, di un blocco di produzione – che diventerebbe dunque autonomo- in sostituzione di quello che verrà a mancare. Uno spiraglio ancora una volta ancorato al sistema produttivo e in particolare ad eventuali imprenditori interessati alla prosecuzione di un’attività nel sito di San Polo.

Parallelamente proseguirà l’iter sindacale volto a garantire la tutela ai lavoratori dello stabilimento.

sandvik

 

 

DIETROFRONT DELLA REBECCHI NORDMECCANICA, OK CAMPIONATO E CHAMPIONS

Dopo alcuni giorni di attesa il presidente della Rebecchi Nordmeccanica  e’ tornato sui suoi passi e con un comunicato ufficiale annuncia che la squadra verrà iscritta al campionato e alla Champions. In realtà non si specifica se la proposta del comune sia stata accettata, anche se la condizione sembra imprescindibile. Questo il comunicato: ll presidente onorario della Rebecchi Nordmeccanica Antonio Cerciello con i figli Vincenzo e Alfredo, dopo una valutazione con il vicepresidente Giovanni Rebecchi, risponde positivamente agli appelli dei tifosi, degli sponsor, delle Istituzioni locali e nazionali compresa la Federazione e la Lega volley con il suo presidente Mauro Fabris.

In particolare la Società è rimasta positivamente colpita dalle manifestazioni di stima dell’on. Pierluigi Bersani che ci ha spinto a continuare nella nostra attività sportiva a favore della città di Piacenza. Abbiamo, pertanto, deciso di continuare – dopo i successi di questi anni – il nostro impegno nello sport partecipando con la Rebecchi Nordmeccanica alla Champions e al Campionato Volley A1 2014-2015 puntando sempre a grandi obiettivi sia in Italia che in Europa.

 

cierciello dosi cisini

IKEA, IN 300 CONTRO I BLOCCHI

“Non dobbiamo avere paura a chiedere di lavorare perché è un nostro diritto” . Gianni Lorenzetti rappresentante sindacale e dipendente Ikea da 10 anni ha chihso con questa parole il sit in in piazza Mercanti sotto il comune. Il sindaco Dosi li ha nuovamente incontrati confermando la piena solidarietà e l’appoggio delle istituzioni.

Il paradossale braccio di ferro tra i 33 lavoratori aderenti al Si Cobas e il resto delle maestranze che chiede ssemplicemente di tornare al lavoro continua e sembra lontano dal concludersi. “Fuori i violenti dai magazzini Ikea” e “siamo orgogliosi di lavorare in Ikea” erano alcuni degli striscioni esposti dai lavoratori che ben descrivono la distanza tra le parti.

foto 2-3foto 3-2foto 4-2foto 2-2

NORDMECCANICA E LA NUOVA SFIDA DEL PACKAGING, ATTESE 100 ASSUNZIONI

Nordmeccanica amplia ancora la sue dimensione e si specializza. A Piacenza, oltre allo stabilimento principale, è stato inaugurato un secondo sito con tutte le carte in regole per diventare leader nel settore packaging e metalizzazione, grazie all’utilizzo di macchinari di ultima generazione. Imballaggi eco sostenibili, un prodotto made in Italy che abbassa il consumo di energia a vantaggio dell’ambiente.

10 milioni di euro di investimento, già 20 persone assunte che nel giro di 8/10 mesi arriveranno al centinaio. Con 82 milioni di euro di fatturato nel 2013, quest’anno il gruppo arriverà sa 102 milioni già con gli ordini in essere. 78 punti vendita nel mondo, 280 dipendenti, di cui 200 a Piacenza, tra 8 mesi la previsione è di toccare le 300 unità.

 

Un parterre de roi composto da politici, rappresentanti dell’alta finanza ha partecipato al taglio del nastro, tra gli invitati l’amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni, l’ex ministro Pierluigi Bersani e il presidente della Fondazione Italia Cina Cesare Romiti 

DOSI:”DISPONIBILI E FLESSIBILI AD UNA NUOVA PROPOSTA PER SALVARE IL VOLLEY”

Il sindaco Paolo Dosi spera in un ripensamento della famiglia Cerciello in merito alla questione volley e lo fa pubblicamente anche nel suo breve intervento in occasione del taglio del nastro del nuovo stabilimento della Nordmeccanica Group. La proposta di concedere il Palabanca alla Rebecchi Nordmeccanica per tre anni alle stesse condizioni dell’anno scorso viene rinnovata nella speranza di un passo indietro da parte della società dopo il secco rifiuto motivato da una questione di tempi non rispettati.

Il presidente ha preferito non rilasciare dichiarazioni in merito all’argomento per dedicarsi completamente alla cerimonia di inaugurazione alla quale hanno partecipato personaggi illustri, qualche battuta l’abbiamo scambiata con il figlio Vincenzo che ha ribadito come dietro al rifiuto non ci siano altre motivazioni se non quella legata al fattore temporale come ventilato nelle ultime ore.

LAVORATORI IKEA, SABATO UN NUOVO SIT IN

Ancora incertezze e un nuovo sit in. Dopo la tregua armata che si erano date le parti coinvolte, coop San Martino e Si Cobas, poco o nulla è cambiato. Certo i facchini non hanno più bloccato l’entrata allo stabilimento di Le Mose ma la loro posizione non è ancora stata definita dalla coop San Martino che doveva valutarne eventuali provvedimenti disciplinari.  Intanto dopo la petizione on line, sabato i lavoratori hanno organizzato un sit-in sotto palazzo Mercanti e una raccolta firme per ribadire la volontà di continuare a lavorare.

ikea lavoratori

 

COTTARELLI:”SPENDING E RIFORME NON SI ESCLUDONO”

Il commissario straordinario Cottarelli ha deciso di non rispondere alle domande dei giornalisti invitandoli ad assistere alla lezione Arcelli in programma all’Università Cattolica. L’occasione era ghiotta anche perchè in questo momento il commissario Cottarelli ha il delicato compito di far quadrare i conti, operando tagli in quei settori dove negli anni si è speso troppo, soprattutto nella pubblica amministrazione. Proprio a questo proposito il Presidente della Provincia Trespidi nel corso dei saluti ha chiesto che venga premiato il merito facendo le distinzioni opportune, “non trattando l’argomento in modo populista come hanno fatto alcuni gruppi editoriali – ha detto.   Il rischio di collasso dei servizi è vicino, liberateci dal patto di stabilità”.

Cottarelli ha ripercorso le tappe che hanno portato alla modalità di revisione della spesa contenute nel decreto legge approvato il 24 aprile scorso. La crisi del 2008 ha avuto gravi conseguenze sulla finanza pubblica producendo un debito del 108% rispetto al Pil raggiungendo mai livelli così alti. Tra il 2009 e il 2012 si sono operati tagli nella direzione di ridurre la spesa ma non sono stati sufficienti. Per questo il commissario straordinario insieme al suo staff hanno individuato le aree in cui la spesa era troppo elevata, tra queste beni e servizi e pubblica amministrazione.

cot1

CISINI: “VOGLIAMO MANTENERE ALTO IL VOLLEY A PIACENZA”

Nonostante il rifiuto del presidente Cerciello alla proposta di poter usufruire del Palabanca per i prossimi tre anni a condizioni invariate rispetto alla passata stagione, il comune rimane pienamente aperto al dialogo e spera in un ravvedimento del patron della Rebecchi Nordmeccanica. “Ci siamo impegnati al massimo – ha ribadito l’assessore allo sport Giorgio Cisini – per dare risposte concrete alle necessità sia del volley femminile che maschile. Le nostre proposte sono state formulate nei tempi prefissati ora la palla passa al presidente”. Ma da parte della società il rifiuto sembra definitivo.

Sul versante pallavolo maschile si sta attendendo la risposta da parte di un imprenditore che sembra interessato ad affiancare Guido Molinaroli nella gestione della Copra Elior. “Abbiamo cercato di dare una risposta ad entrambe le realtà – conclude Cisini – nell’interessa della pallavolo e della comunità”

Domattina il sindaco Dosi ha confermato la partecipazione all’inaugurazione del nuovo stabilimento di Nordmeccanica, nella speranza di poter aver un confronto diretto con il presidente Cerciello.

festa rebecchi

DOSI:”PALABANCA ALLE STESSE CONDIZIONI DELLO SCORSO ANNO”. MA CERCIELLO RIFIUTA

Il sindaco Dosi e l’assessore Cisini formulano la loro proposta per salvare il volley piacentino. Partono dalla pallavolo femminile dopo l’annuncio del presidente Cerciello di chiudere con la pallavolo, oggi la proposta dell’amministrazione: tre anni di utilizzo del Palabanca da parte della Rebecchi Nordmeccanica alle stesse condizioni economiche della stagione appena conclusa. Ma patron Cerciello pare abbia rifiutato.

La seconda proposta si basa sul’interesse di un imprenditore che avrebbe manifestato la volontà di sponsorizzare il Copra Elior, una ricerca non facile soprattutto in un momento delicato come quello attuale, come ha sottolineato l’assessore Giorgio Cisini.

Nella conferenza stampa il sindaco Dosi ha usato toni chiari e decisi: “Dal 28 aprile il comune c’è sempre stato, con contatti quotidiani con entrambe le società. Alcuni commenti che ho letto sulla stampa sono stati inopportuni e vergognosi. Il Palabanca nel corso degli anni ha conosciuto anche altre realtà sportive e non è stato facile farle convivere, ma il comune ha sempre agito da mediatore silenzioso”. dosi cisini 2