LA REGIONE INVESTE SU PIACENZA EXPO. ECCO IL NUOVO ASSETTO SOCIETARIO

E’ stato presentato il nuovo assetto societario di Piacenza Expo; a comunicarlo il presidente riconfermato Giuseppe Cavalli affiancato dal sindaco Patrizia Barbieri e dall’assessore regionale allo Sviluppo Economico Vincenzo Colla.

La regione Emilia Romagna, non solo non uscirà dalla compagine sociale, come era stato deciso nel 2018, ma aumenterà la propria consistenza azionaria che dovrebbe salire dall’attuale 1% ad una quota compresa tra il 4 e il 5%.

“Grazie all’apporto della Regione – ha detto cavalli – possiamo guardare al futuro con rinnovato ottimismo e concretizzare il nuovo piano industriale, che servirà a potenziare le nostre strutture espositive e a consolidare ulteriormente la posizione di Piacenza Expo, e quella di tutti i suoi Soci, nel mercato fieristico italiano”.

“ARMI&BAGAGLI” LA PRIMA FIERA DOPO IL LOCKDOWN A PIACENZA EXPO CHE PENSA AI PROSSIMI APPUNTAMENTI

Circa 200 espositori e 3500 visitatori  hanno riaperto l’attività fieristica di Piacenza Expo dopo cinque mesi di chiusura forzata dovuta all’emergenza Coronavirus. La sedicesima edizione di Armi&Bagagli non si è segnalata soltanto per i positivi riscontri numerici ma anche per essere stato il primo evento fieristico andato in scena in Emilia Romagna nell’immediato post-Covid.

Allestita nel pieno rispetto delle vigenti normative sul distanziamento sociale, previste dalle rigide disposizioni regionali e nazionali, Armi&Bagagli ha preso vita grazie alla presenza di circa 200 espositori provenienti non solo da tutta Italia, ma anche da diversi Paesi europei che hanno animato gli ampi spazi del Padiglione 1 dove hanno trovato posto anche gli stand di “Expo Arc”, fiera dedicata al mondo dell’arco in tutte le sue espressioni e declinazioni sportiva, culturale, artigianale, didattica, storica e venatoria, e “Coltelli”, mostra mercato relativa all’arte della coltelleria di pregio. Il Padiglione 3, invece, è stato interamente dedicato a “Piacenza Militaria”, storica mostra mercato di collezionismo militare che da sempre si configura come uno dei principali eventi collaterali di “Armi&Bagagli”.

Piacenza Expo pensa già al prossimo futuro.
“Per noi – sottolineano l’Amministratore Unico del quartiere fieristico Giuseppe Cavalli e il Direttore Sergio Copelli – si è trattato di un vero e proprio banco di prova, di una ripresa di contatto con la realtà fieristica che mancava dallo scorso febbraio. Il riscontro è stato positivo, nonostante le innegabili difficoltà logistiche e organizzative, e questo ci permette di essere ottimisti in vista delle sei fiere che Piacenza Expo organizzerà e ospiterà tra settembre e dicembre. Fiere apprezzate e collaudate, come il Mercato dei vini dei vignaioli indipendenti, le Giornate italiane del calcestruzzo, Teleradio o Motobike, ma anche una novità assoluta come Pipeline & Gas Expo, dedicata al settore delle reti distributive. Continueremo a monitorare anche l’evolversi della situazione dal punto di vista sanitario, adottando per la nostra struttura tutte le cautele e le procedure necessarie imposte dalle normative regionali e nazionali, in un costante lavoro di raccordo con l’Aefi, l’Associazione nazionale delle fiere italiane. Per continuare a garantire eventi, ma sempre nella massima sicurezza”.

ASSEMBLEA PC EXPO: CAVALLI CONFERMATO ALLA GUIDA. “NUOVO PADIGLIONE DA 1800 MQ”

Bilancio 2019 approvato all’unanimità e Giuseppe Cavalli riconfermato amministratore unico anche per i prossimi tre anni. Si è chiusa così l’assemblea dei soci di Piacenza Expo che ha incassato l’intenzione della Regione Emilia Romagna di riacquistare l’1% del pacchetto azionario precedentemente dismesso oltre che a consolidare la propria presenza nella fiera piacentina.

Il consuntivo del 20° esercizio, nonostante un fatturato in crescita rispetto al 2017 – anno preso come riferimento vista la mancanza nel calendario fieristico, proprio come nel 2019, di Geofluid, il più importante e redditizio evento organizzato da Piacenza Expo – si è chiuso con un disavanzo di € 1.498.320. Il fatturato complessivo si è attestato al 31 dicembre 2019 a € 2.026.687, facendo registrare un progresso del 9,13% rispetto al 2017, anno in cui la
produzione aveva raggiunto la cifra di 1.841.635.

“Il bilancio – ha detto l’Amministratore Unico Cavalli, presentando i dati in Assemblea – è stato segnato in maniera incisiva dall’imprevista situazione debitoria venutasi a creare a seguito della notifica, da parte del Comune di Piacenza, di cartelle esattoriali per il pagamento dell’Imu relative al 2013 e al 2014 per un valore di € 278.795. Una situazione debitoria non imputabile all’attuale governance di Piacenza Expo che, in previsione della sicura noti-
fica, già dai prossimi mesi, delle altre cartelle per il pagamento dell’Imu per gli anni 2015 e 2016 – anch’essi non relativi all’attuale Amministrazione – e 2017, 2018 e 2019, ha prudenzialmente inserito in bilancio, alla voce “altri accantonamenti”, la somma di € 814.980,00. E’ una situazione che, seppur con proporzioni diverse, coinvolge tutti i quartieri fieristici italiani”.

Nel corso dell’assemblea Cavalli ha presentato un piano di sviluppo che prevede l’aumento delle aree espositive coperte attraverso la realizzazione di un nuovo padiglione da 1.800 mq., e il recupero della Cascina S. Savino che, da anni, giace in stato di abbandono proprio di fronte all’ingresso di Piacenza Expo. Per questo l’Amministratore Unico ha presentato ai soci una proposta di aumento di capitale da un milione di euro; proposta accolta con favore dalla compagine sociale, ma che verrà approfondita e votata in una successiva assemblea di prossima convocazione.

Capitolo fiere: l’emergenza sanitaria ha costretto ad annullare o a posticipare al prossimo anno molti eventi. “Quest’anno, oltre agli eventi tradizionalmente in programma e che siamo stati costretti a posticipare o a cancellare, ave-
vamo messo in calendario sette nuove fiere – ha detto Cavalli – che speriamo di recuperare nel 2021 così come Geofluid, che è già stato riposizionato all’autunno del prossimo anno. Il mercato si preannuncia sempre più competitivo; per questo Piacenza Expo dovrebbe investire per potenziare
ulteriormente le proprie strutture e la propria offerta espositiva, per offrire nuove opportunità fieristiche ma anche per svolgere nel migliore dei modi quel suo ruolo naturale di agenzia dimarketing territoriale, a cui già da anni assolve  informalmente promuovendo il territorio e le eccellenze piacentine”.

TOMATO WORLD: COME RECUPERARE IL VALORE DELL’ORO ROSSO

Il prodotto è eccellente, 100% italiano, raccolto totalmente a macchina, biologico per il 10%, seguendo al 90% il disciplinare di produzione integrata, a bassissima emissione di CO2. Nonostante tutto il pomodoro da industria, che rappresenta la vera ricchezza del nostro paese, deve fare i conti con due criticità non da poco: il cambiamento climatico e l’inadeguata valorizzazione. La due giorni di Tomato World a Piacenza Expo si è aperta proprio con questa tematica. 

IRIS, IL FIORE DI NATALE: LA CENA BENEFICA A PIACENZA EXPO

La galleria di Piacenza Expo per una sera diventerà un luogo familiare e conviviale per ospitare Iris, il fiore di natale la cena benefica a favore dell’Hospice La Casa di Iris. Appuntamento mercoledì 18 dicembre alle 20,30. L’obiettivo è raccogliere fondi da destinare alla struttura di via Bubba. Un grande sforzo organizzativo per Piacenza Expo che richiede l’aiuto di tutti. La prenotazione dovrà essere effettuata entro il 13 dicembre inviando una mail a commerciale3@piacenzaexpo.it corredata dalla contabile del bonifico. Per le coordinate bancarie è possibile chiamare il numero 0523 602711

FIVI 2019: LA NONA EDIZIONE HA FATTO CENTRO

Il rapporto diretto con il consumatore è il segreto del successo della mostra mercato dei vignaioli indipendenti. Nona edizione superata a pieni voti anche grazie ad alcune novità: l’aggiunta del terzo giorno, lunedì al week end soprattutto per favorire gli operatori del settore, la disponibilità di 1200 carrelli per i propri acquisti. 626 espositori provenienti da ogni regioni italiana, tra loro anche un buon numero di vignaioli piacentini.

FIVI 2019: DA DUE A TRE GIORNI PER VISITARE LA MOSTRA MERCATO

Due giornate anziché tre, un aumento degli espositori, l’apertura delle casse un’ora prima dell’inizio della manifestazione e quasi 1200 carrelli per caricare i propri acquisti che, in questo caso, saranno bottiglie di vino prelibato. Sono tante le novità per la nona edizione del Mercato dei Vignaioli Indipendenti, a Piacenza Expo dal 23 al 25 novembre. Un giorno in più, il lunedì, rispetto alle precedenti edizioni per dare la possibilità davvero a tutti di visitare la mostra mercato ed avere un rapporto ancora più diretto con i vignaioli che quest’anno saranno 626 provenienti da ogni regione italiana.

SEMPRE PIU’ ESPOSITORI AL GIS 2019

Saranno 426, una settantina in più rispetto al 2017, gli espositori per la nuova edizione di GIS , le giornate italiane del sollevamento a Piacenza Expo dal 3 al 5 ottobre. 35 mila metri quadrati di area espositiva, la più grande vetrina in Europa per un comparto strategico e funzionale alla competitività dell’italia, Gis è l’unica manifestazione con queste caratteristiche sul territorio nazionale. Gru mobili, sollevatori telescopici, piattaforme aree, carrelli elevatori, rimorchi, tutto questo sarà presente al Gis, che rappresenta per gli operatori del settori un momenti di confronto ed incontro tra i più attesi. 

SI ALZA IL SIPARIO SU COLORE 2019

Taglio del nastro per Colorè l’evento organizzato da Piacenza Expo che, fino al 21 settembre, porterà in città professionisti del mondo di tutta la filiera dell’edilizia leggera.

Un centinaio di espositori provenienti dall’Italia e non solo, 150 brand registrati, all’interno di Colorè troveranno tutte le novità nel settore dei materiali, della bioedilizia, risparmio energetico e isolamento termico.

Madrina d’eccezione dell’inaugurazione Irene Pivetti, con la sua piattaforma Only Italia, un vero e proprio supporto per gli imprenditori del made in Italy sul mercato cinese.

[/videojs]

COLORè 2019: ECCO LA TRE GIORNI A PIACENZA EXPO

Ecologia, eccellenza, esperienza, esperienza ed edilizia. Tutto questo sarà Colorè 2019, la fiera dedicata al mondo dell’edilizia leggera e delle finiture edili, in programma a Piacenza Expo dal 19 al 21 settembre.

Un centinaio di espositori provenienti non solo dall’Italia, ma anche da oltre confine, 150 brand, cinque associazioni professionali di categoria, trenta sessioni tematiche tra convegni, work shop e demo live che occuperanno gli oltre dieci mila metri quadrati di area espositiva.

Sono i numeri, alla partenza, di Colorè 2019