ZINGARETTI: “NEL PD ABBIAMO LITIGATO MOLTO E DISCUSSO POCO”

Piazza Grande è arrivata anche a Piacenza. La mozione di Nicola Zingaretti, candidato alla primarie del Pd del 3 marzo, è stata presentata anche a Piacenza. Ad accompagnare il presidente della regione Lazio la piacentina Paola De Micheli, presidente del comitato che sta organizzando la campagna di Zingaretti.

ORLANDO: “SOGLIA MINIMA DI PARTECIPAZIONE ALLE PRIMARIE 2 MILIONI DI PERSONE”

Dalla liberazione del giornalista italiano Gabriele del Grande in Turchia fino alla campagna per le primarie del 30 aprile. Andrea Orlando, ministro della Giustizia, è anche il candidato alle primarie per la segreteria del Partito Democratico. Nell’ultima settimana di campagna elettorale ha fatto tappa anche a Piacenza, per una colazione resistente nella giornata che precede il 25 aprile. Ad accoglierlo il candidato sindaco del Pd Paolo Rizzi, la sostenitrice della mozione Orlando l’assessore Giulia Piroli e i frequentatori del circolo ricreativo del quartiere 4 della Farnesiana.

COLOSIMO, PIACENZA VIVA: “AZZERARE I VERTICI E PRIMARIE”

Il giorno dopo la presentazione del bilancio di metà mandato del sindaco Dosi e la sonora da parte della minoranza, il consigliere di Piacenza Viva Marco Colosimo chiede di azzerare i vertici dei partiti locali e le primarie per dare ai cittadini la possibilità di scegliere i candidati, in questo caso alle prossime comunale del 2017. Un appello che suona come una chiamata al centrodestra piacentino a reagire in vista dell’appuntamento amministrativo. Di seguito la nota:

“Servono, oggi più che mai delle vere primarie, basta chiacchiere, servono fatti e passi in avanti. Devono essere i cittadini a scegliere direttamente e a dare un chiaro indirizzo politico dal quale i partiti e le loro segreterie non potranno allontanarsi o remare contro. Bisogna azzerare i vertici dei partiti locali e ricostruire tutto. solo così si può tornare a vincere e ad amministrare. La nostra città ne ha bisogno. Torniamo a discutere di importanti questioni dello sviluppo, del lavoro e dell’assistenza dei cittadini e a risolvere i problemi anziché curarci del qualunquismo e del populismo. Se questa amministrazione non sta lavorando bene la colpa è anche della minoranza, una minoranza troppo assente e troppe volte disunita anche su tematiche e questioni importanti, anche quando i numeri potevano permetterci di mandare sotto, e quindi alla non approvazione, l’amministrazione. Senza questo ‘’pressing costruttivo’’ l’amministrazione lavora con i suoi ritmi perché tanto dall’altra parte non hanno un’avversario politico capace di metterli in difficoltà o in ansia. Da oggi partiranno una serie di proposte concrete volte al miglioramento della nostra città e al sostegno delle fasce più deboli. Da parte mia l’impegno sarà massimo, e sempre crescente così come fino ad oggi ho sempre fatto.
Non posso accettare, e non possiamo permetterci che nel 2017 il Pd, e quindi il Sindaco Dosi, vinca al primo turno. Se vogliamo, possiamo! “

marco colosimo