MANNINA: “COMUNE E CITTADINI TROPPO DISTANTI”

Si definisce libera dalle visioni precostituite e sempre più lontana dalla visione della politica legata ai partiti. Rosarita Mannina, avvocato, con un passato da assessore nella giunta Guidotti, oggi è molto critica verso i partiti e rilancia la necessità di un civismo sempre più spinto che, a suo dire, manca a Piacenza.

BANDO ACCOGLIENZA, I GESTORI “COSI’ NON CI STIAMO”

Tagliare i fondi destinati all’accoglienza sull’assegnazione dei profughi ai centri di accoglienza straordinaria avrà conseguenze non solo sui richiedenti asilo ma anche sulle comunità stessa in termini occupazionali e di costi.

I consiglieri di minoranza del Partito Democratico, Piacenza in Comune, Movimento 5 Stelle e Sinistra per Fiorenzuola presenteranno una mozione in consiglio comunale per chiedere alla prefettura la riapertura dei termini del bando con un ulteriore proroga delle condizioni in essere.

DAMILANO: “OGNI GENERAZIONE HA LA SUA RESISTENZA”

La resistenza vista e vissuta con gli occhi e il cuore dei più giovani sui quei valori che costituiscono proprio il loro futuro: lavoro, istruzione e ambiente.

“Perchè ogni generazione ha la sua resistenza da fare, partendo da quella di oggi per l’europa, futuro e ambiente”. Così il direttore de l’Espresso Marco Damilano nel suo intervento all’iniziativa La notte prima della libertà, organizzato dal Partito Democratico di Piacenza.

IPPOLITO NEGRI: “LA PIACENZA DEL FUTURO? FORSE NON C’E’ L’IDEA”

Pungente e acuto. Con Ippolito Negri abbiamo parlato della città: che Piacenza ha in mente l’attuale amministrazione e soprattutto i piacentini che idee hanno per il futuro della loro città? Deluso? “Per essere deluso avrei dovuto avere delle aspettative”

TARASCONI A DI PROFILO: “SUL NUOVO OSPEDALE PIACENZA E’ IN RITARDO”

Cosa è cambiato da quel “ritiratevi tutti” pronunciato all’assemblea del PD lo scorso novembre? Katia Tarasconi, consigliere regionale PD, aveva rivolto parole moto dure verso la platea degli iscritti “siete un agglomerato di singoli presuntuosi, arroganti e autorefenziali”.
E rispetto al nuovo ospedale “inizio a dubitare che ci siano i tempi”

BERSANI: “SIAMO PRONTI PER UNA GRANDE SINISTRA EUROPEA”

Si attendono le elezioni europee per quel riscatto della sinistra da troppo tempo sottotono. Il trionfo di Nicola Zingaretti alla segretaria del PD potrebbe portare alla formazione di quella sinistra europea tanto auspicata anche da Pierluigi Bersani. Lo abbiamo incontrato a margine dell’incontro organizzato dalla Cgil sul libro L’altra storia del sindacato. 

CONSERVATORI E SOVRANISTI, COLOSIMO: “LA CULTURA NON E’ SOLO DI SINISTRA”

Conservatori e Sovranisti è l’associazione politico culturale fondata da Marco Colosimo. Diventerà un progetto politico? Per ora si propone di “combattere il populismo con la cultura” ha detto Colosimo.


 

PATRIZIA CALZA: “OGNUNO INTERPRETI IL PROPRIO RUOLO AL MEGLIO”

Una voce che, all’interno del PD, si è sempre distinta per obiettività e franchezza. Patrizia Calza, sindaco di Gragnano, in procinto di candidarsi anche al secondo mandato, spiega a Di Profilo cosa significa oggi amministrare i piccoli comuni e le difficoltà che incontrano i sindaci. “Su alcune scelte della giunta Barbieri non sono d’accordo, ma lascio la critica a chi riveste questo ruolo in consiglio. Ognuno deve rappresentare il proprio ruolo”.

SINISTRA, QUESTA SCONOSCIUTA

Cosa significa essere di sinistra? Il linguaggio della sinistra è fuori dal discorso pubblico? Come fare per riportarlo al centro?
Ne abbiamo parlato con Nando Mainardi, volto storico della sinistra piacentina e regionale, oggi consigliere comunale di Sinistra per Fiorenzuola che, due anni fa, ha ottenuto il 16% dei voti.

SACCARDI: “IN MAGGIORANZA SI POTREBBE PARLARE DI PIU’ “

Uno strappo all’interno della maggioranza è innegabile; le posizioni dei Liberali Piacentini in merito alla vendita delle quote di Iren sono di segno opposto rispetto alla strada che ha deciso di seguire l’amministrazione, ovvero l’alienazione. Il consigliere di Forza Italia Mauro Saccardi, che si è astenuto sul rinvio chiesto dai Liberali, definisce la vicenda semplicemente una “diversità di posizioni” ma auspica maggior dialogo in maggioranza.