APP PIACENZA, QUANDO IL TURISMO SI INTRECCIA ALLA TECNOLOGIA

Piacenza si visita attraverso una app. Un’applicazione che permette di seguire percorsi, di cercare luoghi, di orientarsi attraverso una mappa proprio come un navigatore. Si chiama app Piacenza, i colori e i simboli sono quelli classici: bianco, rosso e la lupa. Bastano pochi gesti per scaricare sul proprio smartphone o tablet l’applicazione gratuita disponibile sugli store Apple e Android. L’attivazione è immediata e pronta per cominciare il tour. L’ha realizzata Ultraviolet, attraverso i beacons, piccoli trasmettitori bluetooth in grado di localizzare la posizione attraverso, appunto, i sensori dei beacons. Il principio è lo stesso utilizzato ai musei civici di Palazzo Farnese, oggi però il campo di applicazione è enormemente più grande; comprende percorsi tematici e possibilità di usufruire in tempo reale dei servizi al cittadino. Palazzo Mercanti, Palazzo Gotico, i cavalli del Mochi, due passi in via Calzolai per arrivare all’auditorium della Fondazione. Ecco uno dei possibili itinerari del turista 3.0 che intreccia tecnologia a cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *