OSPEDALE FIORENZUOLA, SIGILLI AL CANTIERE. LA PROCURA VUOLE VEDERCI CHIARO

La Procura ci vuole vedere chiaro e per questo ha deciso di porre i sigilli al cantiere per il rifacimento dell’ospedale di Fiorenzuola. La Guardia di Finanza, su disposizione della Procura, ha sequestrato l’area in via cautelativa per permettere lo svolgimento di una serie di consulenze tecniche. L’obiettivo è andare a fondo rispetto alle segnalazioni fatte dai tecnici incaricati Comitato spontaneo dei cittadini sorto in difesa dell’ospedale, in particolare rispetto alla demolizione del blocco B della vecchia struttura.

Alla notizia non sono mancate le prime esternazioni da parte dei politici, riportiamo quella del consigliere regionale Tommaso Foti Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale “Il Pd ha fatto bingo, Compiani si dimetta”

“Da tempo ho presentato in Regione una dettagliata interrogazione sulle procedure riguardanti sia l’affidamento dei lavori di ricostruzione di parte dell’ospedale di Fiorenzuola, sia le riserve, fondate ad avviso di chi scrive, più volte espresse dal Comitato per la difesa della detta struttura. L’arrivo in queste ore della Guardia di Finanza davanti all’immobile, il sequestro della struttura, ci dicono che l’assessore Venturi deve battere immediatamente un colpo” lo afferma il consigliere regionale Tommaso Foti (Fd’I-AN). “E’ una vicenda nata male, proseguita peggio e che rischia di finire nel caos – prosegue la nota – solo per l’arroganza di chi, a tutti i costi, all’interno dell’Ausl ha voluto tirare dritto, senza ascoltare le ragioni di alcuno. Il tutto con l’appoggio di vari sindaci del Partito Democratico, a partire da Giuseppe Compiani, oggi presidente della conferenza socio sanitaria, incarico dal quale sarebbe doveroso che si dimettesse.””Non c’è che dire: tecnici dell’Ausl, da una parte, e Pd, dall’altra, ancora una volta hanno fatto bingo”, ironizza Foti, che aggiunge “chiedo all’assessore Venturi di prendere in mano la situazione con l’urgenza che il caso conclama. Non vorrei, infatti, che dopo il danno creato dal suo predecessore, oggi la costruzione della nuova infrastruttura resti bloccata sine die, con gravissimi danni per i cittadini ed il personale dell’Ausl che dovranno sempre più rivolgersi ai presidi di Piacenza e di Fidenza”.”Sia ben chiara una cosa: noi l’ospedale funzionante e al servizio dell’intera Val d’Arda lo vogliamo, perché è indispensabile garantire la qualità dei servizi sanitari – conclude il consigliere di Fd’I-AN- e, dunque, nessuno in Regione si faccia strane idee al riguardo. Ciò che oggi serve è accertare chi siano i responsabili di questo vero e proprio caos amministrativo e metterli da parte. Per il resto occorre ridare a Fiorenzuola e alla Val d’Arda il loro ospedale”.

Sull’argomento riportiamo anche la nota del coordinatore provinciale di Forza Italia Jonathan Papamarenghi:

“Indipendentemente dall’esito delle indagini, un provvedimento tanto forte come il sequestro del cantiere è indice del fatto che l’iter è stato tutto fuorché chiaro e limpido. Il centrodestra piacentino con l’intervento diretto dei Sindaci di Lugagnano Val d’Arda, Cortemaggiore, Caorso e Cadeo, collaborando con il fondamentale gruppo di lavoro del Comitato, da subito si è mobilitato per entrare nel merito di un processo assolutamente fumoso e che presentava troppe ombre, su cui tecnicamente si sono concentrati i professionisti del Comitato, e che oggi hanno dato elementi alla Procura per intervenire. A seguito di un atto tanto forte nessuno può dire di essere stupito: anomalie tecniche, infatti, vennero ufficializzate già durante una conferenza stampa del 16 agosto 2013. Questo l’esito di una politica regionale sorda ai territorio ed agli Amministratori locali, di un Partito Democratico arrogante fin dall’inizio e di un Azienda USL, comunque indirizzata dai primi due, che sta massacrando un territorio senza remore e, ancor peggio, senza pudore. L’avvio delle indagini è indice del fatto che la faccenda è stata troppo torbida. Al di la dell’esito delle stesse, già il fortissimo atto del sequestro del cantiere che oggi hanno ritenuto di mettere in campo dovrebbe imporre un passo indietro a chi ci ha tenuto il dito. Ed il tutto sta avvenendo ora, con l’allora contestatissimo Direttore Generale AUSL che ha lasciato anzitempo il suo incarico a Piacenza. L’urgenza ora, nel vero interesse del territorio prioritario per Forza Italia, è che l’ospedale torni a garantire al più presto i servizi ai cittadini, perché chi paga alla fine, anche in questo caro, sono gli abitanti della Val d’Arda inascoltati dalla autoreferenziale politica che da troppo tempo comanda la Regione Emilia Romagna ed avvilisce Piacenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.