FOTOREPORTER UCCISO, QUANDO RACCONTARE DIVENTA LA VITA

E’ morto un ragazzo di 30, professione foto reporter nelle zone di guerra. Andrea Rocchelli si trovava da una decina di giorni in Ucraina dove stava realizzando un reportage nelle zone colpite dal conflitto. Insieme al suo interprete era a Sloviansk la città dell’est dell’Ucraina roccaforte dei filorussi circondata dalle forze armate di Kiev, dove si è trovato in mezzo ad un conflitto a fuoco.

Andy, lo chiamavano tutti cosi’, conosceva bene queste zone, nonostante la giovane età aveva realizzato numerosi reportage fotografici, video e pubblicazioni nelle zone di conflitto. Qualche anno fa aveva aperto a Pianello Cesura Lab uno studio fotografico che divideva con alcuni colleghi.

Questi sono i fatti peraltro già noti da cui ognuno potrà farsi un’opinione, un pensiero, trarre una conclusione come “non sapeva a cosa andava incontro, il rischio che correva ogni giorno?” Certamente si’, ma il desiderio di catturare attraverso l’immagine una prospettiva diversa, nuova, capace di far riflettere, emozionare e pensare ha vinto anche sulla morte.

 

2014-05-25-23-53-24-1007896077foto rocchelli

Autore: redazione

Quando l'approfondimento fa la notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *