ROLLERI, INDUSTRIALI: “NON SIAMO A RISCHIO RECESSIONE. MA A SETTEMBRE POTREBBE PEGGIORARE”

Dopo un blocco alla propensione degli investimenti avvenuto nelle prime settimane dopo lo scoppio della guerra in ucraina, oggi anche gli imprenditori piacentini si stanno necessariamente organizzando per far fronte alla nuova situazione che il conflitto ha imposto, prima di tutto fare a meno del gas russo. A confermarlo è il numero uno di Confindustria Piacenza Francesco Rolleri che descrive una situazione certamente difficile sia a causa del conflitto ma anche dell’aumento smisurato del costo delle materie prime.

Si prospettano dunque ancora sei mesi di tranquillità dal punto di vista economico frutto degli ordini del 2021. Ma a settembre che situazione si presenterà?

ECONOMIA: CRESCE IL FATTURATO MA CALA LA FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI

Il fatturato cresce quasi del 23 per cento, soprattutto del settore meccanico, l’occupazione pure dopo due anni di forti cali, ma le previsioni per i prossimi mesi non sono ottimistiche, a causa soprattutto dell’aumento delle materie prime registrato lo scorso autunno.

Il quadro che esce dall’indagine congiunturale semestrale di Confindustria Piacenza che mette a fuoco gli ultimi sei mesi del 2021 e i prossimi sei, naviga tra venti contrari. Gli aumenti dei gas e dell’energia hanno portato ad una notevole carenza di materiale elettrico ed elettronico che fa sentire tutta la dipendenza dai paesi extra europei.

PANDEMIA E UNIVERSITA’: “MOLTI STUDENTI SCEGLIERANNO LA DAD”

Si respira ottimismo nonostante i numeri della pandemia non siano confortanti. Un ottimismo dettato dai vaccini che hanno portato alle riaperture della più parte della attività economiche. Il fatturato è in aumento, soprattutto nel manifatturiero e nell’artigianato, l’occupazione pure, gli imprenditori hanno dichiarato che non faranno uso, nei prossimi mesi, della cassa integrazione. Fermo restando che la situazione sanitaria non si aggravi ulteriormente, che il numero delle vaccinazioni aumenti ancora e che le varianti non trovino vita facili tra i non vaccinati.

Tra i tanti cambiamenti di prospettiva che la pandemia ha imposto, c’è anche quello che riguarda il modo della scuola sul quale ad oggi pesa ancora molto forte l’incognita DAD. Discorso leggermente diverso per l’università, dove certamente di privilegerà la didattica in presenza ma si dovrà garantire anche quella on line , perché molto probabilmente ci saranno studenti che volontariamente la sceglieranno. Ne abbiamo parlato con il prof. Paolo Rizzi, direttore LEL Università Cattolica di Piacenza.

CONFINDUSTRIA: BALZO DEL FATTURATO. BUONE LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO MA RISCHIO AUMENTO DEI PREZZI

E’ stato il semestre dell’atteso rimbalzo: quello che si è appena concluso è stato per l’industria piacentina i periodo della vera e propria ripartenza, e sono i dati emersi dalla consueta indagine congiunturale svolta da Confindustria Piacenza, a confermarlo. Il fatturato del primo semestre 2021, nel settore manifatturiero, ha registrato un incremento del 18,95 per cento; un risultato supportato soprattutto dal mercato interno +25,38%, mentre quello oltre confine si ferma all’8,26%. Il settore meccanico è quello più rappresentativo dell’economia provinciale: +28,82%, fatturato interno 52,21, estero 10,15%.

PAOLO RIZZI: “E’ UNA CRISI ESOGENA, SONO OTTIMISTA SULLA RIPRESA ECONOMICA”

Paolo Rizzi, docente di economia  e marketing all’Università Cattolica di Piacenza, è ottimista rispetto alla ripresa economica del nostro territorio dopo lo tsunami Coronavirus. “Si tratta di una crisi esogena portata da un virus che ha creato danni pesantissimi in termini di vite umane. Ma la ripresa ci sarà. Lentamente ci si riprenderà”. Tra i settori più colpiti artigianato, commercio e cultura. Perdita del PIL su base annua –

10% per 800 milioni di euro.

PAPARO, CONFAPI: “L’EFFETTO PANICO NON AIUTA. SITUAZIONE ECONOMICA GRAVE”

Dall’emergenza sanitaria a quella economica il passo è molto breve: gli effetti del Coronavirus sono già molto pesanti sulle imprese piacentine, come testimoniano i vari rappresentanti delle categorie economiche. A giorni verrà inviato al governo un documento con le richieste. A Di Profilo il direttore di Confapindustria Piacenza Andrea Paparo.

[videojs mp4=”https://www.0523tv.it/diprofilo/A2020/AndreaPaparo.mp4″ poster=”https://www.0523tv.it/diprofilo/logo.jpg” preload=”auto” autoplay=”false” width=”640″ height=”360″ id=”movie-id” class=”vjs-fluid” controls=”true” muted=”false”] [/videojs]

SPORT: LEVA ECONOMICA PER IL TERRITORIO? A PIACENZA NON ABBASTANZA

Quanto e in che modo lo sport può diventare leva economica per un territorio. Si sono messi al lavoro per scoprirlo gli studenti del corso di Marketing Territoriale guidati dal professor paolo rizzi nella ricerca un lavoro da campione.

1740 studenti scelti a campione tra il liceo Respighi, San Benedetto, Marconi e il liceo Volta di Lodi, più una cinquantina di associazioni sportive dilettantistiche e Società Canottieri

Ecco cosa è emerso

[videojs mp4=”http://www.zero523.tv/filmati/SPORT CATTOLICA WEB.mp4″ poster=”http://www.zerocinque23.com/wp-content/uploads/2019/04/SPORT-CATTOLICA-1.jpg” preload=”auto” autoplay=”false” width=”640″ height=”360″ id=”movie-id” class=”vjs-fluid” controls=”true” muted=”false”][/videojs]

CONFINDUSTRIA: “FATTURATO IN CRESCITA MA FIDUCIA IN CALO”

A Piacenza cresce il fatturato nell’ultimo semestre del 2018 ma cala la fiducia degli imprenditori per i prossimi sei mesi. E’ un dato preoccupante quello che esce dall’indagine congiunturale elaborata da Confindustria Piacenza che mette in luce, come principale ostacolo, la mancanza di risorse umane qualificate.

[videojs mp4=”https://www.zerocinque23.com/SERVIZI/A2019/CONFINDUSTRIA Dati.mp4″ poster=”http://www.zerocinque23.com/wp-content/uploads/2019/02/rota.jpg” preload=”auto” autoplay=”false” width=”640″ height=”360″ id=”movie-id” class=”vjs-fluid” controls=”true” muted=”false”] [/videojs]

CGIL: “PIACENZA HA PERSO ATTRATTIVITA’ “

Piacenza, più delle altre città dell’Emilia Romagna, ha perso attrattività negli ultimi dieci anni. Lo ha rivelato la ricerca condotta da Ires Emilia Romagna. L’appello della Cgil alla classe politica.

[videojs mp4=”http://www.zero523.tv/filmati/Cgil ires.mp4″ poster=”http://www.zerocinque23.com/wp-content/uploads/2018/09/cgil-ires.jpg” preload=”auto” autoplay=”false” width=”640″ height=”360″ id=”movie-id” class=”alignleft” controls=”true”

muted=”false”] [/videojs]