COLOSIMO ACCUSA FORZA ITALIA:”C’E’ CHI DICE NO, MA CHE ALMENO LO DICE!”

Non sono piaciute al consigliere di Piacenza Viva Marco Colosimo le esternazioni dei colleghi di Forza Italia in merito alla progetto di riqualificazione di Borgo Faxhall, al quale non si opporranno ma “vigileranno con attenzione”. La minoranza, è il senso delle parole dei consiglieri Putzu e Girometta in conferenza stampa, non può opporsi a qualsiasi pratica. Forza Italia ha voluto far sentire la propria indipendenza e la propria voce che non sempre coincide con quella dei colleghi della minoranza. Non l’ha presa bene Colosimo che in una nota critica pesantemente la posizione dei consiglieri di Forza Italia,  “che dice di essere vigile e garante e che nella discussione più importante di questo mandato amministrativo non presenta nemmeno un emendamento proprio mettendosi al traino dell’opposizione irruente, malconsigliata e tentennante sottoscrivendone gli atti.”

Di seguito la nota del consigliere:

‘C’è chi dice no, ma che almeno lo dice!” 

senza voler entrare nel merito della questione Borgo Faxhall, che meriterà un’ampia analisi ben dettagliata, per far capire a tutti i cittadini le motivazioni che stanno alla base di questo no, un no volto alla cassazione della pratica negoziale intrapresa tra Coemi e Comune di Piacenza, e non un no relativo al progetto di riqualificazione dell’intera area. Ma come detto non è questo l’intervento volto a far chiarezza sui motivi che domani in Consiglio Comunale mi porteranno a votare contro la delibera, piuttosto è un intervento in risposta alle dichiarazioni rese in sede di conferenza stampa dagli esponenti in consiglio Comunale (2) di Forza Italia, che lamentano a loro dire una posizione troppo ostruzionista della minoranza di cui loro fanno parte, e che al sottoscritto regalano elogi e testimonianze di stima apostrofandomi come giovane, arrogante ed irruento. Non posso che ringraziare, perché si in effetti ho 24 anni e quindi data la mia età non potrei esser catalogato come persona anziana. Desiderio ringraziarli perché cosi dichiarando mi hanno fatto capire che quello che sto facendo lo sto facendo bene, perché i risultati li tocco con mano ogni giorno, dalle passeggiate sul mercato, ai contatti con le associazioni di categoria, dai commercianti e dai tanti giovani che hanno trovato probabilmente in me un interlocutore qualificato e costruttivo per la realizzazione di qualsiasi tipo di evento. Sono contento quindi che il consigliere in questione mi abbia etichettato cosi, perché i meriti e i demeriti ultimamente sono stato abituato a riceverli di persona, dai gruppi della minoranza e dai banchi dei colleghi consiglieri della maggioranza, passando dagli Assessori al Sindaco di questa città, senza alcuna intermediazione giornalistica, ma con una semplice stretta di mano o pacca sulla spalla. Sono ulteriormente contento che la loro critica sia arrivata in questo modo perché gli ultimi a farlo contro di me sono stati i Si.Cobas. Quindi da oggi la mia considerazione verso Forza Italia sarà paragonata a quella che ho nei confronti di un fantomatico sindacato difensore di non si sa quali diritti. Probabilmente risulterà difficile amministrare questa città, o per lo meno proporre a questa amministrazione una squadra di persone competenti e appassionate. Il perché è facilmente comprensibile dato che c’è sempre qualcuno che fa i capricci, qualcuno con il dente avvelenato non si sa per cosa, qualcuno che invece di scagliarsi contro una negoziazione che andrà a ledere l’interesse del Comune si scaglia contro la minoranza stessa, accusandola di essere troppo ostruzionista. Qualcuno che dice di essere vigile e garante e che nella discussione più importante di questo mandato amministrativo non presente nemmeno un emendamento proprio mettendosi al traino dell’opposizione irruente, malconsigliata e tentennante sottoscrivendone gli atti. In conclusione, lancio un invito a tutti i piacentini, ossia quello di partecipare alle sedute del consiglio comunale, per vedere di persona l’operato dei vostri eletti, la reale competenza e soprattutto la reale partecipazione, la quale signori, vi riserverà importanti scoperte e magari,se mai ce ne fosse ancora bisogno vi farò capire come operano i partiti e i loro eletti. Il vecchio modo di far politica è sempre presente con qualche rara eccezione. Solo una seria e fattiva rappresentanza civica potrà assicurare adeguata partecipazione di tutti i cittadini. Cosi facendo magari alle prossime elezioni saprete da chi non farvi rappresentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.