FONDAZIONE: OK DEL CDA ALLA VENDITA DELLE AZIONI MONTE PARMA

Gli investimenti rischiosi non devono più riguardare la Fondazione di Piacenza e Vigevano. E’ il concetto che sottende ogni consiglio di amministrazione guidato dal presidente Massimo Toscani che continua a parlare di trasparenza e ripartenza per caratterizzare il nuovo corso dell’ente di via Sant’Eufemia. Anche nell’ultimo cda durato oltre 4 ore, il patrimonio e le erogazioni della Fondazione sono stati al centro della discussione. Il consiglio ha deliberato la vendita delle azioni Monte Parma, come riportava il documento programmatico. La Fondazione venderà a Banca Intesa la quota azionaria del 10% pari a 28 milioni 500 mila euro. Nella vendita è coinvolta anche la Fondazione Monte Parma che detiene un altro 10% della quota. Ricordiamo che la Fondazione ha visto svalutarsi pesantemente l’investimento in Banca Monte Parma compiuto dalla gestione Marazzi: un maxi investimento inizialmente pari a 72 milioni di euro. Nel 2011 ci fu una prima svalutazione di 24 milioni 500 mila euro, nel 2013 una seconda di 28 milioni. Con la delibera della vendita del 10% a 28 milioni 500 mila euro il saldo negativo dell’operazione arriva a quota 43 milioni 500 mila euro.

Nell’ultima seduta del cda è stata completata la composizione della commissione consultiva Arte e Cultura presieduta da Giorgio Milani. Al suo interno sono stati nominati Milena Tibaldi Montenz, Gilda Boiardi e Alberto Dosi consigliere nominato nell’ultimo consiglio generale. Le altre due commissioni, già completate, sono Ricerca Scientifica e Welfare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.