PROFUGHI, LA TRISTE STORIA CHE SI RIPETE

Mentre il Comune Piacenza, insieme all’Ente Scuola per la Formazione professionale, a breve, firmerà un protocollo d’intesa perchè i migranti presenti sul territorio provinciale, in particolare nel capoluogo, siano impegnati in attività socialmente utili, c’è chi continua a ribadire la propria indisponibilità all’accoglienza. Il sindaco di Caorso Roberta Battaglia lo fa attraverso un comunicato in cui si specifica che il corso di cucina in cui si sono impegnati due profughi è una iniziativa di Caritas non dell’amministrazione. “La giunta comunale – si legge nella nota – ribadisce l’assoluta estraneità all’iniziativa e conferma la propria indisponibilità all’accoglienza forzata di stranieri. Per noi la priorità assoluta sono e rimangono i caorsani”. Continueremo a opporci alle politiche di invasione di questo governo. Per quanto ci riguarda accoglienza, opportunità e corsi di formazione o di avviamento professionale sono rivolti solo ed esclusivamente ai caorsani e ai nostri residenti storici”.

Un film già visto; sembra di tornare indietro di qualche mese quando in Provincia si confrontarono, in due incontri di fatto senza esito, gli amministratori dei 48 comuni divisi tra i favorevoli e i contrari all’accoglienza dei migranti. Oggi questa pagina si ripete, a breve ne arriveranno 80, il numero è confermato dalla Prefettura. E allora che si farà? Piacenza verrà esclusa perchè già sopra il limite massimo di ospitalità. Le premesse sembrano tutt’altro che positive.

rp_Profughi-300x157.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.