BERSANI, TORNA IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA MINORANZA DEL PD

Pierluigi Bersani, torna in pista, e si propone come guida alternativa al Pd di Matteo Renzi. L’ex segretario lo ha fatto capire a chiare lettere alla festa del partito di Bologna il giorno prima della partecipazione a quella della sua città sotto i portici di palazzo Gotico. Europa ha pubblicato un lungo articolo. Una decisione, si legge nel pezzo, maturata dopo ever preso atto della situazione, ovvero che la ruota non gira, o meglio non è girata come Bersani si sarebbe aspettato. Di fronte ad un renzismo che guadagna sempre più spazio, a fronte di un ottimo risultato alle europee – secondo l’analisi di Europa – nessuna della nuova generazione sembra in grado di riorganizzare l’idea della minoranza interna, sempre più frammentata e così tocca di nuova a lui. I segnali c’erano già stati: i consigli rivolti a Renzi, qualche intervento sui social network, e poi l’annuncio di Bersani di un “autunno impegnativo” che sta per cominciare. I cavalli di battaglia rimangono gli stessi, primo tra tutti il partito. Cominciando da ciò che sta avvenendo in Emilia con le primarie dai cui uscirà il candidato per le regionali, il rimpianto per il tentativo fallito della candidatura di Manca e il sostegno che convergerà su Bonaccini. Poi i suggerimenti che Bersani si sente di dare al governo; «accorciare la forbice tra le aspettative che si creano e la realtà». ” Gli 80 euro sono stati un’azione redistributiva, ma non bastano per far ripartire la domanda. Occupiamoci di dare un po’ di lavoro in giro”. Le altre ricette proposte da Bersani riguardano il fisco («bisogna trovare un meccanismo per cui la maggiore fedeltà fiscale si riversi in una minore pressione fiscale per chi dà lavoro») e le semplificazioni («meglio abolire o esternalizzare con l’autocertificazione rafforzata»).

bersani festa pd

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.