AMBIENTE E SALUTE, BINOMIO INSEPARABILE

Fino al 2002 parlare di ambiente legato alla salute, soprattutto dei bambini, avrebbe fatto sgranare gli occhi. Oggi non è più così. La correlazione tra l’aria che si respira e alcune malattie e’ provata. Su questo tema si sono confrontati medici ed esperti nel convegno Inquinamento ambientale e salute delle donna organizzato dall’Ordine dei Medici di Piacenza. Effetti sulla salute degli adulti ma anche sui bambini sono provati fin dai primi anni di vita. Il dott. Ernesto Burgio, pediatra e presidente del Comitato Scientifico ISDE, nelle sue elaborate relazioni ha messo in stretta correlazione il fattore ambiente con le comparsa di malattie come tumori o linfomi, ma anche di sindromi come la celiachia o l’autismo. La dott.ssa Paola Sbisà medico specialista e membro del comitato scientifico ISDE ha messo l’attenzione sulla donna sottolineando come molti prodotti per l’igiene personale o creme di bellezza abbiano all’interno il petrolio, con conseguenza fortemente negative sul sistema endocrino e sulla capacità riproduttiva. Al dott. Giuseppe Gregori, pediatra e membro ISDE di Piacenza, è toccato fare una sintesi della buone pratiche sviluppate in questi anni intorno al tema ambiente-salute. A Piacenza con il questionario Aria Pulita del 2003 si misero in evidenza i comportamenti più comuni delle famiglie, ad esempio l’alta per percentuale (40%) dei ragazzi accompagnati a scuola in macchina. Tra il 2004 e il 2008 venne prodotto, con il sostegno dell’amministrazione, un decalogo sulla buone norme da utilizzare: attività motoria, andare a scuola a piedi o in bicicletta. Poi sono seguiti spot pubblicitari fatti proprio dai bambini per arrivare al progetto Pedibus, oggi sono oltre 200 i piccoli alunni che partecipano all’iniziativa. Sono nate anche collaborazioni con le scuole e l’università. In un secondo questionario e’ emerso che solo 2 genitori su 10 percepiscono la situazione di sovrappeso dei figli, il 50% dei bambini non svolge abbastanza attività motoria, a Piacenza 2 bambini su 10 sono obesi, così come iil trend nazionale. Cosa è cambiato in questi anni? “La consapevolezza che l’ambiente è molto importante – ha sottolineato Gregori – così come l’attenzione delle amministrazioni rispetto al tema. Piste ciclabili, ztl, Pedibus, zone 30 vicine alle scuole nel sono un esempio. Le famiglie si interessano più della qualità del cibo e al risparmio energetico”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *