BALDINO: “A PIACENZA RIUSCIAMO A PROCESSARE 200 TAMPONI AL GIORNO. INUTILE RACCOGLIERNE DI PIU'”

Il direttore generale Luca Baldino risponde alla domande che i cittadini rivolgono all’azienda: di cosa ha maggiormente bisogno l’Asl? “Di dispositivi di protezione individuale per i sanitari, di operatori sanitari e che ogni cittadino faccia il proprio di dovere di stare a casa e limitare il più possibile il contatto con le persone.

Gli operatori stanno facendo il massimo, anzi di più, per non vanificare il loro sforzo occorre limitare al minimo le relazioni sociali, perché il virus cammina sulle gambe degli uomini.

Questione tamponi: perché non è possibile sottoporvi tutti i cittadini, anche gli asintomatici? E’ questione del tempo con cui vengono processati. In Emilia Romagna ad oggi e vengono eseguiti 2800, tra pochi giorni arriveranno a 4800. Piacenza si è resa autonoma e con il suo laboratorio è in grado di processare 200 tamponi al giorno. “E’ inutile quindi – spiega Baldino – raccoglierne migliaia se la nostra capacità di processare non va oltre un certo limite”.

Ogni giorno tanti di voi ci fanno domande, nei commenti ma soprattutto nella chat.Abbiamo chiesto al direttore generale Luca Baldino di rispondere ad alcune di queste.In due video, ci parla di alcuni degli argomenti di maggior interesse di questi giorni.Nel primo si parla di tamponi (Perché non lo fate a tutti?) e di cosa serve alla Ausl per affrontare l’emergenza.Infine, anche la risposta a una domanda che assilla molti: la situazione a Piacenza è sotto controllo?

Publiée par Azienda Usl di Piacenza sur Dimanche 22 mars 2020

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.